Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Promuovi un tuo evento
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
DOAC REal Life Practice
Leggi il documento
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Speciale ESC 2018
Speciale ACC 2018
Speciale AHA 2017
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Today News
  • PIONEER HF Trial: nei pazienti ospedalizzati per scompenso cardiaco con frazione di eiezione ridotta, l'inizio della terapia con sacubitril-valsartan ha portato ad una maggiore riduzione del NT-proBNP rispetto alla terapia con enalapril
    Fonte: AHA 2018 scientific session, Chicago - USA. Queste sono le conclusioni presentate all’AHA e contemporaneamente pubblicate sul New England Journal of Medicine da Eric J. Velazquez della Yale University,New Haven, USA. Dal momento che gli scompensi cardiaci acuti rappresentano più di 1 milione di ospedalizzazioni negli Stati Uniti ogni anno e non essendo noto se l'inizio della terapia con sacubitril-valsartan sia sicuro ed efficace tra i pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta i ricercatori hanno voluto valutare tale ipotesi arruolando pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione che sono stati ricoverati per scompenso cardiaco acuto in 129 siti negli Stati Uniti. Dopo stabilizzazione emodinamica, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale...leggi la news
  • AKCEA-APO(a) riduce i livelli di Lp(a) nei pazienti con preesistente malattia cardiovascolare
    Fonte: AHA 2018 scientific session, Chicago - USA. Queste sono le conclusioni presentate all’AHA da Sotirios Tsimikas della UC san Diego School of Medicine, USA. Nello studio presentato sono stati esaminati 286 pazienti con malattia cardiovascolare preesistente (malattia coronarica, infarto miocardico, malattia delle arterie periferiche, ictus / attacco ischemico transitorio) e Lp (a) all’arruolamente ≥60 mg / dL e randomizzati a ricevere 20, 40 o 60 mg di AKCEA-APO (a) (un oligonucleotide coniugato con N-acetil-galattosammina, di seconda generazione, mirato all'apolipoproteina (a) ) al mese, 20 mg / ogni due settimane o 20 mg a settimana, per un minimo di 6 mesi rispetto al placebo. I risultati hanno mostrato che AKCEA-APO (a) hanno ridotto significativamente in...leggi la news
  • T-TIME trial: somministrare Alteplase intra-coronarica, a basso dosaggio durante PCI è fattibile e sicuro ma non efficace
    Fonte: AHA 2018 scientific session, Chicago - USA. Queste sono le conclusioni presentate all’AHA da Colin Berry dell’università di Glasgow, Scozia. L'ostruzione microvascolare (MVO) si verifica in numerosi casi di infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) ed è più probabile nei pazienti che presentano un infarto miocardico di grandi dimensioni ed è indipendentemente associata ad una prognosi peggiore. Pertanto i ricercatori hanno condotto uno studio clinico prospettico, multicentrico, a gruppi paralleli 1: 1: 1 randomizzato, controllato con placebo di fase 2b in pazienti con STEMI acuto a causa dell'occlusione del vaso prossimale-medio di un'arteria coronaria maggiore che si ricoveravano ≤ 6 ore dalla comparsa dei sintomi. I partecipanti sono stati assegnati in...leggi la news
  • Princess Trial: il raffreddamento durante arresto cardiaco permette un maggiore sopravvivenza in assenza di esiti neurologici
    Fonte: AHA 2018 scientific session, Chicago - USA. Queste sono le conclusioni presentate all’AHA da Per Nordberg della Karolinska Institue di Stoccolma, Svezia, Dal momento che l'ipotermia terapeutica può aumentare la sopravvivenza dopo arresto cardiaco con un buon esito neurologico e dal momento che dati sperimentali dimostrano un beneficio del raffreddamento avviato durante la rianimazione cardiopolmonare rispetto al raffreddamento iniziato post-rianimazione, i ricercatori hanno voluto determinare l'effetto del raffreddamento intra-arresto pre-ospedaliero per via trans-nasale sulla sopravvivenza con buon esito neurologico nell'arresto cardiaco extraospedaliero. I pazienti con arresto cardiaco fuori dall'ospedale assistiti da astanti sono stati randomizzati in loco a raffreddamento trans-nasale per evaporazione durante arresto cardiaco o terapia standard. I pazienti ricoverati vivi in ​​ospedale...leggi la news
  • Gli inibitori del SGLT2 hanno benefici moderati su eventi cardiovascolari avversi maggiori aterosclerotici che sembrano limitati a pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata
    Fonte: AHA 2018 scientific session, Chicago - USA. Tuttavia, hanno notevoli benefici nel ridurre l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e la progressione della malattia renale indipendentemente dalla malattia cardiovascolare aterosclerotica esistente o da una storia di insufficienza cardiaca. Queste sono le conclusioni presentate all’AHA e contemporaneamente pubblicate su Lancet da Thomas A Zelniker del Brigham and Women's Hospital, Boston, USA. Dal momento che l'entità dell'effetto degli inibitori del SGLT2 su specifici outcome cardiovascolari e renali non è ben definita i ricercatori hanno voluto effettuare una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati, controllati vs placebo che valutavano gli outcome cardiovascolari degli inibitori del SGLT2 in pazienti con diabete di tipo 2. Sono stati ricercati su...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2018
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk