Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
DOAC REal Life Practice
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Promuovi un tuo evento
Speciale AHA 2017
Speciale ESC 2017
Speciale ACC 2017
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Today News
  • Valori di pressione diastolica inferiori a 70 mmHg aumentano il rischio di danno miocardico subclinico
    Fonte: Waits GS et al. Clin Res Cardiol. Epub ahead of print 2017, Nov 21. doi: 10.1007/s00392-017-1184-0. La perfusione del miocardio si realizza prevalentemente durante la diastole, per cui valori di pressione arteriosa diastolica (PAD) molto bassi potrebbero essere associati ad un aumentato rischio di danno miocardico subclinico. Questo studio ha analizzato l’associazione tra PAD e danno miocardico subclinico, in un campione di 6.107 pazienti senza storia di malattia cardiovascolare arruolati nello studio NHANES III (Third National Health and Nutrition Examination Survey). Il danno miocardico è stato definito in base allo score elettrocardiografico CIIS (Cardiac Injury Score System) ed è stata indagata l’associazione con i valori di PAD (< 70, 70-80 e > 80 mmHg)...leggi la news
  • La sostituzione mitralica transcatetere: valutazione di un nuovo sistema valvolare in uno studio multicentrico internazionale
    Fonte: Bapat V et al. J Am Coll Cardiol 2018 Jan 2;71(1):12-21. doi: 10.1016/j.jacc.2017.10.061. La sostituzione valvolare mitralica transcatetere sta emergendo come possibile strategia per il trattamento dell’insufficienza mitralica (IM) severa sintomatica, soprattutto nei pazienti con elevato rischio operatorio ai quali è precluso il trattamento chirurgico convenzionale. Questo studio ha esaminato sicurezza e funzionamento di un nuovo sistema valvolare per impianto transcatetere, con valvola auto-espandibile realizzata con pericardio bovino e posizionata mediante accesso trans-apicale (Intrepid TMVR System, Medtronic, Inc., Redwood City, CA). Lo studio è stato condotto in 14 centri in Europa, Stati Uniti ed Australia ed ha arruolato 50 pazienti con IM severa sintomatica, sottoposti a sostituzione valvolare transcatetere in quanto giudicati non eleggibili...leggi la news
  • La cardiomiopatia ipertrofica ha una prognosi peggiore nel sesso femminile
    Fonte: Geske JB et al. Eur Heart J 2017 Dec;38(46):3434-40. doi: 10.1093/eurheartj/ehx527. La cardiomiopatia (CMP) ipertrofica si caratterizza per un fenotipo estremamente vario per grado di ipertrofia del miocardio, ostruzione all'efflusso del ventricolo sinistro e disfunzione diastolica, con notevoli differenze nelle manifestazioni cliniche della malattia. Alcuni studi hanno messo in evidenza differenze tra i due sessi per quanto riguarda le caratteristiche cliniche e demografiche di malattia, mentre sono scarsi i dati relativi ad eventuali differenze in termini di prognosi. Questo studio ha analizzato un'ampia popolazione di pazienti affetti da CMP ipertrofica, con lo scopo di indagare eventuali differenze tra i due sessi per quanto riguarda sintomi, fenotipo, trattamento e outcome. La popolazione di studio era...leggi la news
  • Assunzione di CardioAsa nei pazienti coronaropatici sottoposti a chirurgia non cardiaca
    Fonte: Graham MM et al. Ann Intern Med. Epub ahead of print 2017, Nov 14. doi: 10.7326/M17-2341. I pazienti coronaropatici sottoposti a rivascolarizzazione miocardica percutanea sono esposti ad un maggior rischio di complicanze cardiovascolari in caso di chirurgia non cardiaca. Il trial multicentrico internazionale POISE-2 (PeriOperative ISchemic Evaluation-2), condotto su 10010 pazienti sottoposti a chirurgia non cardiaca, ha mostrato che l'assunzione di acido acetilsalicilico nel periodo perioperatorio non previene l'endpoint composito di infarto miocardico e mortalità, ma aumenta il rischio di sanguinamenti maggiori. Questo studio presenta una sotto-analisi del POISE-2 condotta sui pazienti con storia di rivascolarizzazione miocardica percutanea (n=470); l'outcome primario dello studio era rappresentato da mortalità o infarto non fatale a 30 giorni,...leggi la news
  • Rischio di fibrillazione atriale nel paziente con normale funzionalità tiroidea
    Fonte: Baumgartner C et al. Circulation 2017;136(22):2100-16. doi:10.1161/CIRCULATIONAHA.117.028753. L'ipertiroidismo è un noto fattore di rischio per lo sviluppo di fibrillazione atriale (FA), soprattutto in presenza di valori di TSH < 0.10 mIU/L. Il rischio è aumentato anche nei pazienti con ipertiroidismo subclinico, mentre non è chiara l'associazione tra l'aritmia e l'ipotiroidismo subclinico o variazioni della funzione tiroidea entro i limiti di normalità. Questa review ha analizzato il rischio di FA in pazienti con normale funzionalità tiroidea (TSH 0.45-4.49 mIU/L) o ipotiroidismo subclinico (TSH 4.5-19.9 mIU/L, in presenza di normali valori di fT4). In particolare, ha indagato l'associazione tra livelli di TSH e incidenza di FA; inoltre, nei pazienti in eutiroidismo, ha valutato la correlazione tra...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
4-2017
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk