Today News
  • Lo score PRECISE-DAPT: un nuovo strumento per l’individualizzazione della durata della doppia terapia antiaggregante dopo stenting coronarico
    Fonte: Costa F, et al. Lancet. 2017 Mar 11;389(10073):1025-1034. PMID: 28290994. La doppia terapia antiaggregante (DAPT) con aspirina più un inibitore del recettore P2Y12 riduce il rischio di eventi ischemici dopo stenting coronarico ma aumenta i sanguinamenti. E' dunque necessario ponderare il rischio di sanguinamento prima di decidere la durata del trattamento antiaggregante ma non esiste alcuno strumento standardizzato per questo scopo. Sono stati valutati 14.963 pazienti trattati con DAPT (nella maggioranza dei casi aspirina e clopidogrel) dopo stenting coronarico provenienti da otto studi randomizzati. Utilizzando la regressione di Cox, sono stati identificati i predittori di sanguinamento maggiore o minore secondo la classificazione TIMI. Lo score PRECISE-DAPT costituito da età, clearance della creatinina, emoglobina, conta...leggi la news
  • Risposta alla terapia antiaggregante: vi sono differenze tra sesso maschile e femminile?
    Fonte: Lau ES, et al. J Am Coll Cardiol. 2017 Mar 28;69(12):1549-1559. doi: 10.1016/j.jacc.2017.01.028. PMID: 28335837. Sono state descritte differenze sesso-specifiche in risposta alla terapia con antiaggreganti piastrinici. Lo studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza dei potenti inibitori del recettore P2Y12 nei pazienti con malattia coronarica. Una meta-analisi collaborativa sesso-specifica è stata condotta della fase III o IV dei trials randomizzati con prasugrel, ticagrelor e cangrelor per un totale di 7 studi clinici (24.494 donne e 63.346 uomini). I potenti inibitori del recettore P2Y12 hanno ridotto significativamente il rischio di MACE del 14% nelle donne (HR 0.86; 95% CI 0.78-0.94) e del 15% negli uomini (HR 0.85; 95% CI 0.80-0.90; p di interazione=0.93) aumentando...leggi la news
  • Inibizione piastrinica con ticagrelor 60 mg due volte al giorno in soggetti con o senza diabete
    Fonte: Thomas MR, et al. Thromb Haemost. 2017 Mar 16. doi: 10.1160/TH16-09-0703. Il diabete aumenta il rischio cardiovascolare e riduce la risposta farmacodinamica di alcuni farmaci antiaggreganti orali. Questa analisi ha valutato se ticagrelor 60 mg due volte al giorno determina lo stesso grado di inibizione piastrinica nei pazienti con o senza diabete nel sottostudio sulle piastrine del PEGASUS-TIMI 54. Su 180 pazienti studiati, 58 pazienti sono stati randomizzati e hanno ricevuto almeno quattro settimane di ticagrelor 60 mg/bid; di questi 20 (34%) avevano il diabete. Il sangue è stato prelevato prima e due ore dopo la dose di mantenimento. Nei pazienti trattati con ticagrelor 60 mg/bid, la reattività piastrinica determinata con LTA, VerifyNow e...leggi la news
  • Efficacia e sicurezza degli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia valvolare
    Fonte: Renda G, et al. J Am Coll Cardiol. 2017 Mar 21;69(11):1363-1371. doi: 10.1016/j.jacc.2016.12.038. PubMed PMID: 28302287. La malattia valvolare e la fibrillazione atriale spesso coesistono. Gli studi di fase III di confronto tra gli anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOACs) e il warfarin hanno incluso pazienti con valvulopatie ad eccezione della stenosi mitralica di grado moderato o severo. Questa metanalisi dei 4 studi di fase III dei NOACs attualmente disponibili ha lo scopo di determinare l'efficacia e la sicurezza dei NOACs rispetto al warfarin nei pazienti con malattia valvolare. Rispetto al warfarin, il tasso di ictus/embolia sistemica nei pazienti trattati con NOACs a più alto dosaggio era più basso sia nei pazienti...leggi la news
  • Efficacia e sicurezza a lungo termine del raggiungimento di valori molto bassi di colesterolo LDL: un’analisi pre-specificata dell’IMPROVE-IT
    Fonte: Giugliano RP, et al. JAMA Cardiol. 2017 Mar 14. doi: 10.1001/jamacardio.2017.0083. [Epub ahead of print] PubMed PMID: 28291866. Nello studio IMPROVE-IT la terapia ipolipemizzante intensiva ​con l'aggiunta di ezetimibe è stata associata ad una significativa riduzione degli eventi cardiovascolari rispetto alla sola simvastatina in 18.144 pazienti dopo sindrome coronarica acuta. Questa analisi pre-specificata dello studio IMPROVE-IT ha valutato la sicurezza e l'efficacia clinica di raggiungere un livello molto basso (< 30 mg/dl) di colesterolo LDL. Tra i 15.281 pazienti inclusi nello studio, 11.645 (76.2%) erano uomini e l'età media era di 63 anni; tra coloro che non hanno avuto eventi nel primo mese circa il 6% ha raggiunto livello di colesterolo LDL inferiore a...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2017
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
DiabeLink
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk