Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
Speciale AHA 2016
Speciale ESC 2016
Calcolatore Vascular Age
Speciale ACC 2016
Promuovi un tuo evento
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

HEART FAILURE 2017
Parigi - dal 29/04/2017 al 02/05/2017

XVIII Congresso Nazionale ARCA - Ass.ni Regionali Cardiologi Ambulatoriali
Napoli - dal 03/05/2017 al 06/05/2017

La gestione moderna dello scompenso cardiaco
Roma - dal 05/05/2017 al 06/05/2017

ICNC 2017, Nuclear Cardiology & Cardiac CT
Vienna - dal 07/05/2017 al 09/05/2017

Heart Rhythm 2017
Chicago - dal 10/05/2017 al 13/05/2017

48° ANMCO - Ass.ne Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri
Rimini - dal 11/05/2017 al 13/05/2017

FADOI – Soc. Scientifica di Medicina Interna
Sorrento - dal 13/05/2017 al 16/05/2017

EuroPCR 2017
Parigi - dal 16/05/2017 al 19/05/2017

AMD – Associazione Medici Diabetologi
Napoli - dal 17/05/2017 al 20/05/2017

EuroHeartCare 2017
Jonkoping - dal 18/05/2017 al 20/05/2017

vedi elenco congressi
Today News
  • Indice di massa corporea e mortalità per qualsiasi causa in pazienti con normoglicemia, alterata glicemia a digiuno, diabete di nuova diagnosi, e diabete prevalente: uno studio di coorte
    Fonte: Diabetes Care 2017 Apr; dc161458. https://doi.org/10.2337/dc16-1458. Eun Young Lee. Obiettivo di questo studio è stato quello di esaminare l’associazione tra indice di massa corporea e mortalità nei soggetti con normoglicemia, alterata glicemia a digiuno (IFG), diabete di nuova diagnosi, e diabete prevalente e identificare il range di valori di BMI associato con la mortalità più bassa di ogni gruppo. Un totale di 12.815.006 adulti sono stati monitorati in modo prospettico fino al 2013. Lo stato del diabete è stato definito come segue: normoglicemia (glicemia a digiuno <100 mg / dL), IFG (100-125 mg / dl), diabete di nuova diagnosi (≥126 mg / dL), e diabete prevalente (auto-riferito). E’ stato misurato il BMI (kg/m2). E’...leggi la news
  • Nei pazienti con malattia coronarica, le oscillazioni del peso corporeo sono associate ad una più alta mortalità e un più alto tasso di eventi cardiovascolari indipendente da fattori di rischio cardiovascolare tradizionali
    Fonte: N Engl J Med 2017; 376:1332-1340 Sripal Bangalore . Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Sripal Bangalore della New York University, Essendo l’oscillazione del peso corporeo un fattore di rischio per morte ed eventi coronarici in pazienti senza malattia cardiovascolare e non essendo noto se la variabilità del peso corporeo modifica gli esiti nei pazienti con malattia coronarica, i ricercatori hanno voluto determinare le oscillazioni intraindividuali del peso corporeo tra il peso all’arruolament e le visite di controllo ed eseguito un'analisi post hoc del Treating to New Targets trial, che valutava l’efficacia e la sicurezza di abbassare i livelli di colesterolemia LDL con l’atorvastatina. L'end point primario era...leggi la news
  • Il riposo è efficace come la terapia farmacologica nella gestione dell’urgenza ipertensiva
    Fonte: Sung Keun Park - Journal of hypertension. DOI: 10.1097/HJH.0000000000001340. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Sung Keun Park della Sungkyunkwan University di Seoul, Corea del Sud. L’urgenza ipertensiva è definita come un marcato aumento della pressione arteriosa (PA) senza danno d'organo. In pronto soccorso (PS), l’urgenza ipertensiva è convenzionalmente gestita con la somministrazione di farmaci antipertensivi, tuttavia, c'è una crescente preoccupazione per la sicurezza di tali farmaci se somministrati in tali circostanze pertanto i ricercatori hanno voluto confrontare l'efficacia dei farmaci antipertensivi se prescritti in condizioni cliniche di riposo e nella gestione dell’urgenza ipertensiva. E’ stato condotto uno studio randomizzato, controllato su 138 pazienti ipertesi ammessi in urgenza...leggi la news
  • Un calcolatore del rischio emorragico potrebbe aiutare a stabilire la durata della DAPT
    Fonte: Costa F. Lancet. 2017 Mar 11;389(10073):1025-1034. doi: 10.1016/S0140-6736(17)30397-5. La doppia terapia antiaggregante (DAPT) con aspirina e un inibitore P2Y12 impedisce gli eventi ischemici dopo lo stenting coronarico, ma aumenta il sanguinamento. Le linee guida supportano la valutazione del rischio di sanguinamento prima della selezione della durata del trattamento, ma per questo non esistono strumenti standardizzati. Uno strumento standardizzato di valutazione del rischio emorragico aiuterebbe i clinici a stabilire la durata più appropriata del trattamento DAPT per i pazienti in seguito a impianto di stent coronarico tramite ICP.Disegno dello studio: Un totale di 14.590 pazienti provenienti da 8 sperimentazioni multicentriche randomizzate, sottoposti a intervento coronarico percutaneo (ICP) per l’impianto di uno stent coronarico seguito da...leggi la news
  • Protezione cardiovascolare ad opera dell’inibizione del recettore PCSK9 con bococizumab: si ma solo nei pazienti ad alto rischio!
    Fonte: Ridker PM et al. N Engl J Med. 2017 Apr 20;376(16):1527-1539. doi: 10.1056/NEJMoa1701488. Epub 2017 Mar 17. PubMed PMID: 28304242. Il bococizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che inibisce il PCSK9 riducendo i livelli di colesterolo LDL. Questa analisi ha valutato l'efficacia del bococizumab in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. In due studi paralleli multinazionali con differenti criteri di inclusione per i livelli di colesterolo LDL, sono stati randomizzati 27.438 pazienti a ricevere bococizumab 150 mg ogni due settimane o placebo. L'end point primario era il composito di infarto miocardico, ictus, ospedalizzazione per rivascolarizzazione urgente per angina instabile o morte cardiovascolare. Il 93% dei pazienti assumeva terapia con statine. Gli studi sono stati interrotti...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2017
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
DiabeLink
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk