CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE

Il ruolo chiave dell'automonitoraggio nella gestione ottimale del diabete, le differenti caratteristiche dei pazienti e l'innovazione tecnologica confermano la funzione primaria del medico e del team di cura nella scelta del glucometro.

L’automonitoraggio domiciliare della glicemia è diventato praticamente possibile a partire dagli anni 70, con l’introduzione dei primi reflettometri capaci di misurare la glicemia capillare. Ciò consentì, per la prima volta, di aggiustare la terapia insulinica sulla base dell’andamento giornaliero delle glicemie misurate a domicilio, nella vita quotidiana del paziente, anziché nel contesto rigidamente controllato del laboratorio. Questa innovazione rivoluzionò la terapia insulinica nel diabete di tipo 1, segnando di fatto il passaggio dai trattamenti tradizionali, basati sulle insuline lente, ai moderni schemi basal-bolus, che si utilizzano ancora oggi.

Da allora, il settore ha conosciuto una straordinaria evoluzione tecnologica, che ha comportato anche un cambiamento del metodo analitico (da reflettometrico a impedenziometrico), consentendo di aumentare straordinariamente la precisione delle misurazioni, semplificando le procedure e riducendo il volume di sangue necessario, il tempo richiesto per il test, le dimensioni degli strumenti e il costo delle strisce reattive. Grazie a questo notevolissimo progresso, l’automonitoraggio glicemico è diventato sempre più una componente essenziale della terapia del diabete, non solo di tipo 1, ma anche di tipo 2.

L’automonitoraggio glicemico nella gestione clinica del diabete
Anche per un diabetologo esperto, oggi, sarebbe difficile impostare una terapia insulinica per il diabete di tipo 1 senza l’ausilio dei dati dell’automonitoraggio domiciliare della glicemia. Inoltre, la misurazione regolare della glicemia capillare consente agli stessi pazienti di effettuare continue modifiche ed aggiustamenti delle dosi di insulina, contribuendo in maniera fondamentale al raggiungimento ed al mantenimento di un buon controllo glicemico. La disponibilità dell’automonitoraggio ha consentito, di fatto, un cambiamento di paradigma nella terapia del diabete di tipo 1: in passato, si imponeva uno schema di trattamento insulinico rigido, e si chiedeva ai pazienti di mantenere una grande regolarità nell’alimentazione,...continua a leggere

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

ABSTRACT SEMPLIFICATO DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA