CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Home Syncro

SYNCRO: Ottimizza la tua CRT!

Non ci sono dubbi che la definizione corretta dei criteri di accesso all’impianto di CRT sia il primo modo per ottenere outcomes soddisfacenti così come il posizionamento dei device e l’ottimale tecnica di intervento conducano ad un migliore risultato clinico. Tuttavia, una volta che il paziente è stato ben selezionato e che l’intervento sia stato perfettamente eseguito, per ottenere il meglio dalla CRT risulta cruciale l’ottimizzazione della programmazione del device. Nell’area web SYNCRO ci occuperemo soprattutto di questo aspetto, alla luce delle diverse metodiche e tecniche. Le più comuni sono quelle basate sull’ecocardiografia che però incidono moltissimo sui carichi di lavoro degli operatori e delle organizzazioni ospedaliere. Per superare questi problemi i più moderni device hanno a disposizione sistemi automatici di rilevamento e adattamento alle condizioni variabili di performance cardiaca. Nell’area web SYNCRO entreremo nel vivo di queste tecnologie e scopriremo come ottimizzare le nostre CRT e cosa aspettarsi dal punto di vista clinico.

Buona CRT a tutti!!


CRT personalizzata con Stimolazione Multisito: opzione percorribile per ridurre i Non-Responders? Sempre più vicini alla CRT "customizzata" per ridurre i non responders e ottimizzare gli outcomes
Introduzione
Nonostante una persistente quota – piuttosto significativa - di pazienti che non rispondono in modo ottimale alla terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT), a 20 anni dall’introduzione del concetto di resincronizzazione con i primi impianti pioneristici (1) nei pazienti con grave cardiomiopatia e dissincronia cardiaca, la CRT rilasciata con stimolazione biventricolare (BiV) in configurazione standard è divenuta una pietra miliare – ampiamente riconosciuta dalle più recenti Linee Guida in materia di scompenso cardiaco (HF) e di stimolazione / CRT (2,3) - nella terapia dei pazienti con HF avanzato e QRS largo. In questi pazienti, un reperto ECG con QRS a morfologia da blocco di branca sinistra (LBBB) rappresenta oggi, per le medesime Linee Guida, un’indicazione di classe I-a oppure classe I-b (QRS > 150ms, 120ms < QRS < 150ms rispettivamente). Le classi d’indicazione scendono rispettivamente a II-a e II-b nel caso di...continua a leggere
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

ABSTRACT SEMPLIFICATO DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA