CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Quanto sei motivato? Percezione dell'ipertensione arteriosa e controllo pressorio.

Fonte: J Hypertens. 2010;28(6):1330-9

I Medici percepiscono il rischio collegato all'ipertensione arteriosa? Quanto è importante l'approccio dei Medici all'ipertensione arteriosa? Tutto questo può influenzare il controllo dei valori tensivi ed il raggiungimento del goal pressorio? Per risolvere questi dubbi uno studio Francese cross-sectional, che ha considerato un campione rappresentativo di 346 Medici di Medicina Generale, 209 Cardiologi and 2014 pazienti ipertesi, ha cercato di chiarire la possibile relazione tra approccio all'ipertensione e controllo pressorio. I Medici considerati sono stati suddivisi in 5 gruppi, classificati da "poco motivati" ad "altamente motivati" in relazione al loro approccio ed alla loro percezione del "problema ipertensione". Di particolare interesse, i Medici più motivati hanno mostrato un approccio più attento all'ipertensione arteriosa con conseguente maggiore presenza di pazienti con valori di pressione arteriosa controllati (range 32-42%, P=0.01 per trend). Anche dopo correzione statistica per le variabili cliniche, sociali e psicologiche gli autori hanno mostrato una significativa riduzione dei livelli di pressione arteriosa sistolica concordemente con il livello di motivazione dei Medici (Medici di Medicina Generale P=0.029 e Cardiologi P=0.021). La consapevolezza e la percezione del rischio correlato all'ipertensione arteriosa gioca un ruolo fondamentale nel favorire la compliance alle linee guida internazionali e nella cura dei pazienti ipertesi. Medici più motivati possono migliorare il raggiungimento del goal pressorio.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA