CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Insufficienza mitralica funzionale post-IMA.. Relazioni con la fibrillazione atriale

Fonte: Heart 2010;96:683-688.

L'insufficienza mitralica funzionale post infarto miocardico può promuovere l'insorgenza di fibrillazione atriale (FA) attraverso un sovraccarico volumetrico dell'atrio sinistro? A questa domanda hanno provato a rispondere gli autori di questo studio, apparso recentemente su Heart. Sono stati randomizzati 1.920 pazienti con infarto miocardico acuto (IMA) escludendo ovviamente quelli con nota FA. L'insufficienza mitralica funzionale (IM) è stata suddivisa mediante studio ecocardiografico in tre gradi: nessuna insufficienza, insufficienza lieve ed insufficienza moderata/severa. Si sono avuti 744 pazienti con insufficienza mitralica lieve (38.8% del campione), e 150 pazienti con IM significativa (moderata o severa, 7.8%). La FA si è riscontrata durante il follow up nel 5.0%, nell'11.2% e nel 18.7% rispettivamente nei pazienti senza IM, con IM lieve e con IM moderata severa (trend della p<0.001). All'analisi multivariata, la presenza di IM funzionale si è rilevata essere un predittore indipendente di insorgenza di FA (odds ratio (OR) 1.6; 95% CI 1.1 to 2.3, p=0.02 per la IM lieve e OR 2.1; 95% CI 1.2 to 3.6, p=0.007 per la IM moderata e severa). Si è, infine, osservata una correlazione tra la depressione della funzione contrattile del ventricolo sinistro ed il grado di IM funzionale (p=0.003).

Titolo originale: Relationship of functional mitral regurgitation to new-onset atrial fibrillation in acute myocardial infarction

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA