CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Mai dire mai...coi Beta Bloccanti

Fonte: Arch Intern Med. 2010 May 24;170(10):880-7

Lo avreste mai detto?
Il trattamento con i beta-bloccanti è in grado di ridurre il rischio di esacerbazioni polmonari e migliorare la sopravvivenza in pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Avete capito bene....Un recente studio osservazionale eseguito in Olanda e riguardante 2230 pazienti con diagnosi di BPCO, ha mostrato chiaramente come dopo un follow-up medio di circa 7 anni. La valutazione grezza ed aggiustata dell'hazard ratio associato all'uso dei beta-bloccanti per la mortalità era rispettivamente di 0.70 e 0.68. Mentre quello relativo alle riesarcebazioni della BPCO erano rispettivamente 0.73 e 0.71. Ad eliminare ogni dubbio, lo studio per sottogruppi ha inoltre confermato i suddetti risultati anche in pazienti con BPCO senza malattia cardiovascolare.

 

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA