CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Questa non la beviamo.....

Fonte: Circulation. 2010;121:2398-2406.

Le bevande zuccherate sono le bevande caloriche più bevute negli USA ed anche in Europa vengono consumate sempre più frequentemente soprattutto dalla fascia adolescenziale della popolazione. Eliminare dalla dieta queste bevande al elevato tenore calorico potrà giovare alla salute? Partendo da tali considerazioni lo studio PREMIER ha osservato come, dopo aggiustamento per i possibili fattori di confondimento, ridurre l'assunzione di una bevanda zuccherata al giorno si associasse, dopo 18 mesi, ad una riduzione dei valori di pressione arteriosa sistolica e diastolica di 1.8 mm Hg e di 1.1 mm Hg, rispettivamente. Anche dopo ulteriore aggiustamento statistico per le variazioni di peso occorse durante il periodo di studio, la riduzione di assunzione di bevande zuccherate si associava significativamente a riduzioni della pressione arteriosa sistolica e diastolica (P<0.05).

Scarica l'allegato in PPTX - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA