CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Meno IMA negli USA: ma l’obesita’ e’ un rischio!

Fonte: N Eng J Med 2010.

L'incidenza di infarto miocardico negli Stati Uniti è notevolmente diminuita nel periodo di nove anni  compreso fra tra il 1999 e il 2008; i dati provengono da uno studio pubblicato recentemente sul New England Journal of Medicine. I ricercatori hanno identificato 46.086 ricoveri per infarto miocardico in un follow-up dal  1999 al 2008.  L'infarto miocardico è aumentato da 274 casi per 100.000 persone anno nel 1999 a 287 casi per 100.000 persone anno nel 2000, per  poi diminuire ogni anno successivo, a 208 casi per 100 000 persona- anni nel 2008, con una diminuzione del 24% rispetto per tutto il periodo di studio. Lo STEMI è diminuito del 62% per tutto il periodo di studio (da 133 casi per 100 000 persone-anno nel 1999 a 50 casi per 100 000 persone-anno nel 2008), mentre l'incidenza di non-STEMI  è aumentato da 155 casi per 100 000 persone nel 1999 a 202 casi per 100 000 persone nel 2004, prima di scendere negli anni successivi. Il tasso di mortalità a 30 giorni dopo infarto miocardico è scesa dal 10,5% nel 1999 al 7,8% nel 2008. Il  tasso di mortalità  è significativamente più basso tra i pazienti con non-STEMI, mentre la mortalità non è cambiata in modo significativo tra i pazienti con  STEMI. La  riduzione dei tassi di mortalità correlati a malattie puo' essere giustificata da un miglior controllo del  colesterolo e del  fumo.Tuttavia, sebbene il peso di alcuni fattori di rischio modificabili come il fumo, l'ipertensione e alti livelli di colesterolo siano ridotti, il diabete ed i problemi di obesità sono in peggioramento: la preoccupazione è che l'epidemia di obesità possa  peggiorare e causare l'inversione dei vantaggi oggi raggunti.

Yeh RW, Sidney S, Chandra M, et al. Population trends in the incidence and outcomes of acute myocardial infarction. N Eng J Med 2010; 362:2155-65.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA