CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

E se sono "vecchi" i globuli rossi?

Fonte: Am Heart J 2010;159:737-743.

C'è una relazione tra la conservazione dei globuli rossi prima di essere trasfusi e la mortalità intraospedaliera? Domanda interessante ed intrigante... Per provare a rispondere gli Autori hanno cercato di determinare l'impatto dell'età delle trasfusioni di emazie su pazienti ricoverati in Terapia Intensiva (ICU) con una diagnosi di patologia cardiaca. L'end point primario è stato la mortalità intraospedaliera. Sono stati arruolati 4.933 pazienti, ammessi in ICU con diagnosi di patologia cardiaca maggiore. I pazienti hanno ricevuto, durante il ricovero, 21.435 unità di emazie (mediana di 3 con range interquartile 2-5). L'età mediana delle emazie trasfuse è stata di 17 giorni (range interquartile 13-22 giorni). Dopo l'aggiustamento per fattori demografici, caratteristiche cliniche e variabili tempo-dipendenti, il rischio relativo di morte è stata di 1.02 per ogni giorno di incremento di conservazione delle emazie. Il rischio relativo di morte è aumentato proporzionalmente all'aumento dei quartili fino ad un rischio relativo massimo di 1.48 (95% CI, 1.07-2.05). Gli Autori hanno concluso, visti i modesti intervalli di confidenza, che in pazienti ospedalizzati con patologia cardiaca, c'è solo una modestissima associazione tra l'aumento dell'età delle emazie trasfuse e l'aumento della mortalità ospedaliera.

Titolo originale: Duration of Red Cell Storage Before Transfusion and In-Hospital Mortality
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA