CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Obesità ed ipertensione in età pediatrica: peggio l’uovo oggi o la gallina domani?

Fonte: Am J Hypertens 2010;23(7):756-761.

L'eccedenza ponderale sta diventando sempre di più un problema di sanità pubblica nel mondo occidentale anche nelle fasce di età più giovani. Nel nostro paese un bambino su tre presenta eccedenza ponderale fino alla franca obesità. La problematica non è ovviamente di natura estetica ma pervade a 360° il mondo della prevenzione cardiovascolare. Basti pensare che il 4% dei bambini obesi è affetto da diabete mellito di tipo 2, malattia fino al recente passato considerata ad appannaggio dell'età adulta. La presenza di obesità espone il bambino e l'adolescente anche ad un aumentato rischio di sviluppare ipertensione. In uno studio condotto in una popolazione di 5.131 bambini, di età compresa tra 5 e 11 anni, è stata dimostrata una associazione tra il grado di eccedenza ponderale e la circonferenza vita e la presenza di preipertensione (definita da livelli di pressione sistolica e/o diastolica e 90° percentile) o di franca ipertensione (media di tre misurazioni comprese tra il 90° e il 95° percentile). Questi risultati suggeriscono l'opportunità di prevenire e correggere il prima possibile l'eccedenza ponderale in età pediatrica.
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA