CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

ARBs e rischio di Cancro: si scatena il putiferio!!

Fonte: Lancet Oncology fast track article on line 11 giugno 2010 doi:10.1016/S1470-2045(10)70106-6.

Si è scatenato un putiferio dopo la pubblicazione su Lancet oncology dei risultati della meta-analisi di Ilke Sipahi et Al sugli ARBs da cui risulterebbe un modesto rischio di nuovi casi di cancro con l'utilizzo di questa classe di antipertensivi (7,2% vs 6,0%, risk ratio [RR] 1,08 95% CI 1,01–1,15; p=0,016) . A soffiare sul fuoco l'editoriale di Steven Nissen sullo stesso numero di Lancet oncology che richiama le autorità regolatorie ad un pronto intervento per rivedere la safety degli ARBs e l'intero congresso ESH di Oslo contrario a questa posizione ritenuta eccessiva e fuori luogo alla luce dei fatti. Non si è fatto aspettare l'intervento di EMA (European Medicines Agency) che ha annunciato di procedere con le verifiche. Ora i fatti sono sotto la lente di ingrandimento di tutti poichè la meta-analisi è fortemente contestata per una serie di mancanze ritenute non solo importanti ma anche "curiose". La meta-analisi non ha considerato tutti i trial di grandi dimensioni ma solo alcuni e questo ha fatto discutere molto. Ad esempio, i dati del VALUE non sono stati presi in esame e il Coordinatore dello studio Sverre Kjeldsen ha scritto a Lancet oncology mostrando che i dati della meta-analisi rivisti con l'aggiunta del VALUE sarebbero neutri, con la stessa incidenza di cancro tra ARBs e altri trattamenti. Oltre a questo c'è da sottolineare che l'85,7% dei pazienti coinvolti in questa meta-analisi era in trattamento con telmisartan e con incidenza di cancro molto diversa a seconda della tipologia della neoplasia (polmone, prostata o seno). Criticatissima anche la posizione di Steven Nissen che ha commentato nell'editoriale dello stesso giornale i dati della meta-analisi e accusato da molti di sostenere le posizioni di un suo allievo e di montare un caso per favorire posizioni d'interesse a danno di una classe di farmaci molto solida e utilizzata alla vigilia della genericazione. Si prospetta una never ending story....alla prossima puntata.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA