CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Se l’ipertensione fa male al cervello…l’ipotensione potrebbe non essere da meno

Fonte: J Hypertens 2010;28:1498-15.

L'ipertensione rappresenta il più importante fattore di rischio modificabile (si fa per dire, visto che il 75% degli ipertesi non ha un adeguato controllo pressorio) per ictus. In realtà una eccessiva riduzione pressoria può essere anch'essa causa di danni cerebrali negli ipertesi anziani il cui circolo cerebrale, cronicamente esposto ad aumentati livelli pressori, ha visto progressivamente ridursi la sua capacità di autoregolazione e di adattamento alle variazioni pressorie. La tematica è di grande rilevanza se si considera che l'atrofia cerebrale dovuta ad una cronica ipoperfusione cerebrale espone il paziente ad un aumentato rischio di demenza. Lo studio Second Manifestations of ARTerial disease-Magnetic Resonance (SMART-MR) ha recentemente fornito alcune interessanti evidenze su questa tematica dimostrando come negli individui di media età con malattia aterosclerotica la riduzione pressoria si associ ad un aumentato rischio di atrofia corticale nei casi in cui concomiti una riduzione del flusso ematico cerebrale (come era lecito attendersi ma come ancora non era stato dimostrato). La riflessione che da ciò deriva è che in presenza di un circolo cerebrale irrigidito, poco efficace nell'autoregolazione, come classicamente si riscontra nei casi di inveterata esposizione a fattori di rischio cardiovascolare, è opportuno scegliere quei farmaci, quali quelli che interferiscono con il sistema renina angiotensina aldosterone e i calcio antagonisti, che a parità di riduzione pressoria sembrano garantire quel quid di protezione cerebrale in più che nell'anziano può far la differenza.

 

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA