CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Dibattito sull’ecocardiografia: quale ruolo nel futuro?

Fonte: ASE 2010.

L'ecocardiografia potrebbe sostituire tecnologie di imaging più complesse e meno versatili come la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica se i fautori della tecnologia fossero in grado di convincere i loro colleghi Cardiologi a dedicarsi a metodiche con l'eco tridimensionale, il contrasto e il Myocardial strain measurement: questo è il pensiero degli ecocardiografisti che hanno recentemente partecipato alla Società Americana di Ecocardiografia (ASE) 2010 Scientific Sessions la settimana scorsa. Molti dei recenti progressi che hanno il potenziale per fare dell'ecocardiografia lo strumento più potente per valutare la funzione cardiaca in tempo reale non stanno tuttavia prendendo piede. Per esempio, il contrasto eco con microsfere lipidiche perflutren ha dimostrato di migliorare la chiarezza dell'immagine, ma al momento l'eco contrasto eè utilizzato in meno del 2% degli studi di ecocardiografia ed in meno del 6% degli ecocardio stress dove il contrasto è indispensabile per lo studio accurato del movimento della parete. Allo stesso modo, l'ecocardiografia tridimensionale è utilizzata in meno del 3% degli ecocardiogrammi . Un ostacolo importante alla sua adozione è la varietà di diversi software e sistemi hardware e considerando che gli ospedali possono essere riluttanti a investire in un sistema che può diventare rapidamente obsoleto. Inoltre, è previsto che gli sviluppatori della tecnologia TC saranno in grado di ridurre drasticamente l'esposizione alle radiazioni al paziente neutralizzando in tal modo uno dei principali vantaggi che l'ecocardiografia ha storicamente avuto oltre CT. A vantaggio dell'ecocardiografia rimane la disponibilità della metodica: soprattutto con i nuovi sistemi portatili  siamo ovunque, a basso costo, in tempo reale; non è da sottovalutare, inoltre, che spesso i pazienti preferiscono l'eco. Le prove di RM richiedono al paziente di giacere ancora sotto lo scanner per diverse ore e a resistere relativamente a tempo a grandi iniezioni di soluzione di contrasto, mentre eco test di solito può essere completato in meno di una mezz'ora con una dose molto piccola di contrasto .

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA