CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Anche al novantenne con ictus la trombolisi fa bene..

Fonte: Stroke.2010; 110. 586438v1.

Farrah Mateen della Johns Hopkins University, Baltimora, Maryland ed i suoi colleghi affermano, nello studio pubblicato recentemente su Stroke, che il rischio di effetti collaterali da trattamento trombolitico non aumenta con l'avanzare dell'età nei pazienti molto anziani con ictus cerebri. La trombolisi è attualmente controindicata in pazienti di età superiore a 80 anni, ma è spesso utilizzata nei centri di eccellenza. Lo studio ha confrontato l'utilizzo della trombolisi in 28 novantenni verso 242 ottantenni tutti affetti da ictus cerebri. La maggior parte dei pazienti in entrambi i gruppi erano di sesso femminile, ipertesi e avevano un ictus cerebri grave (punteggio National Institutes of Health Stroke Scale superiore a 15). I tassi di emorragia intracerebrale sintomatica (EIS) sono stati il 7% per il gruppo degli ottantenni e il 5% per i gruppi dei novantenni. Tuttavia, su tale dato i ricercatori affermando che non ci sono evidenze che sia stata la trombolisi a innescare l'EIS nei pazienti di oltre 90 anni rispetto ai pazienti "più giovani". Mentre, viene sottolineato che l'EIS era quasi sempre fatale in entrambi i gruppi. A 30 giorni dopo l'ictus, il 30% dei pazienti di età superiore a 90 anni e il 26% di quelli con più di 80 anni aveva buoni risultati funzionali (Rankin Scale modificata punteggio di 0 o 1). Mentre a 90 giorni , il 52% del pazienti del gruppo dei novantenni e il 33% del gruppo degli ottantenni era morto.

Scarica la Tabella in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA