CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Scompenso cardiaco: meglio fare attività fisica!

Fonte: Eur Journal of Heart failure 2010;12:706-712.

L'esercizio fisico è utile nei pazienti con scompenso cardiaco? Gli autori hanno effettuato una metanalisi di 19 studi prospettici randomizzati conivolgenti un totale di 3.647 pazienti con scompenso cardiaco, classe NYHA II-III, FE<40%, confrontando gli outcome nel gruppo di pazienti sottoposti a training fisico e nel gruppo senza training. Al termine del follow up di 12 mesi non si sono osservate differenze statisticamente significative in termini di mortalità, ma nel gruppo sottoposto ad esercizio fisico erano minori i ricoveri per scompenso cardiaco (RR 0.72 IC 95% 0.52-0.99) ed è risultata migliore la qualità di vita percepita, misurata con score HRQoL (differenza media -0.63, 95% CI: -0.80 / -0.37).Gli autori concludono che il training fisico in aggiunta alle strategie terapeutiche convenzionali, migliora la qualità di vita, tuttavia sono necessari studi di più ampia scala per valutarne l'efficacia in pazienti anziani e con scompenso cardiaco in classi più avanzate.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA