CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Prasugrel e cancro…Sarà vero?

Fonte: Arch Intern Med 2010; 170:1078-1080.

Il 10 Luglio 2009 l'FDA ha approvato l'uso di prasugrel, nuova tienopiridina, per il trattamento delle SCA che vanno incontro ad una procedura percutanea (PCI). Nello studio TRITON-TIMI 38 (Trial to Assess Improvement in Therapeutic Outcomes by Optimizing Platelet Inhibition With Prasugrel-Thrombolysis in Myocardial Infarction 38) prasugrel ha ridotto l'end point primario composito di morte, IMA non fatale e stroke del 19% versus clopidogrel, con i principali effetti avuti nei primi 30 giorni di trattamento, pur essendo associate ed una maggiore incidenza di sanguinamento (31%). Nell'ultimo numero della prestigiosa rivista Archives of Internal Medicine, James S. Floyd (Università di Washington, Seattle) e Victor L. Serebruany (Heart Drug Research Laboratories, Towson, MD) hanno affrontato nuovamente il tema di prasugrel riguardo alla sua presunta associazione con una maggiore incidenza di cancro (si ricorda che l'FDA ha aperto un advisory panel sull'argomento) soprattutto per assunzioni prolungate. Nel nuovo report, gli Autori, riportando una sottoanalisi del TRITON TIMI 38 trial, hanno evidenziato che prasugrel è associato ad un aumento del rischio di incidenza di cancro del 44% (92 nuovi tumori solidi nel gruppo prasugrel vs 64 del gruppo clopidogrel). Escludendo i tumori al cervello e quelli della cute (non melanomi) il rischio di incidenza aumenta al 62%. Questo fenomeno appare particolarmente importante per prolungati periodi di trattamento con prasugrel (quattro mesi circa). I tumori appaiono per lo più solidi e con crescita esponenziale. Il sesso più colpito sembra essere quello femminile. In un recente passato, Serebruany aveva suggerito che l'alto livello di inibizione piastrinica raggiunta con prasugrel potesse far calare le difese contro la crescita tumorale. Tuttavia, recenti dati dallo studio PLATO con Ticagrelor (Brilanta, AstraZeneca), non supporta una tale evidenza. Si ricorda, tuttavia, che non vi sono al momento studi di comparazione tra prasugrel e ticagrelor riguardo la potenza antiaggregante.

Titolo originale: Prasugrel as a potential cancer promoter: Review of unpublished data.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA