CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Prevenzione dell’aterosclerosi, prima è meglio è!

Fonte: European Heart Journal 2010; 31 (14): 1745.1751.

Lo scopo di questo studio è valutare se la presenza di fattori di rischio per la progressione dell'aterosclerosi sia associata ad un cambiamento dello spessore intimale (IMT) nei 6 anni successivi all'arruolamento in giovani adolescenti. 1.809 soggetti sono stati seguiti per 27 anni. I fattori di rischio valutati e associati ad un aumento a 6 anni dell'IMT sono stati: elevato colesterolo LDL, basso colesterolo HDL, elevati valori pressori, obesità, diabete, fumo, scarsa attività fisica, scarso consumo di frutta. Nei soggetti con 0, 1, 2, e e 3 fattori di rischio, l'IMT aumentava di 35, 46, 49, e 61 µm (P = 0.0001). Di tutti i fattori di rischio lo scarso consumo di frutta e la scarsa attività fisica erano associate ad un'aumentata progressione dell'IMT. In conclusione questi risultati mostrano che i giovani con questi fattori di rischio hanno un'aumentata velocità di progressione dell'aterosclerosi in età adulta e supportano l'idea che la prevenzione dell'aterosclerosi dovrebbe essere iniziata già in giovane età modificando lo stile di vita.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA