CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Rosiglitazone non peggiora la performance cardiovascolare

Fonte: Eur Heart J. 2010 Jul 2. [Epub ahead of print].

Questo è il risultato dello studio di DK McGuire dell'University of Texas, Dallas e dei suoi colleghi. Il trial ha valutato l'effetto di rosiglitazone sulla performance cardiovascolare e sulla funzione cardiaca. Nello studio sono stati arruolati 150 pazienti diabetici di tipo 2 con malattia cardiovascolare o 1 o più altri fattori di rischio cardiovascolare e sono stati randomizzati a ricevere rosiglitazone vs placebo per 6 mesi. L'outcome primario era il picco di ossigeno durante esercizio massivo. Un sottogruppo di 102 soggetti sono stati sottoposti a risonanza magnetica cardiaca. Nessuna differenza significativa nel picco di VO2 è stata osservata tra pazienti trattati con rosiglitazone e quelli trattati con placebo (26,1 + / 7.0 vs 27,6 + / 6,6 mL / kg / min, p = 0.26). Rispetto al placebo, il gruppo rosiglitazone era più basso di ematocrito (38 vs 41%, P < 0,001) e ha presentato più edema periferico (53,7 vs 33,3%, P = 0,03). Nel sottostudio sottoposto a risonanza magnetica, rispetto al placebo, il gruppo rosiglitazone aveva un volume telediastolico più grande (128,1 vs 112,0 mL, P = 0,01) e una maggiore gittata cardiaca (83,7 vs 72,9 mL, P = 0,01).

Scarica la Figura in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA