CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Circonferenza vita ed ipertrigliceridemia: nuovi fattori di rischio cardiovascolare

Fonte: CMaj 2010, DOI: 10.1503.

L’uso di queste due semplici misure poco costose ci permette di identificare i pazienti con obesità addominale e coloro che presentano un aumentato rischio di malattia coronarica. Queste sono le conclusioni a cui giungono il dottor Benoit Arsenault dell’Università del Québec ed i suoi colleghi. Nell’articolo, gli autori spiegano che, sebbene l'obesità sia un pericolo per la salute, non tutte le persone obese hanno evidenziato le anomalie metaboliche associate al grasso corporeo in eccesso, mentre tali anomalie tendono a verificarsi più spesso in quelle persone con un eccesso di tessuto adiposo intra-addominale o viscerale. Essi hanno proposto che la circonferenza della vita può essere utilizzata come una misura semplice di adiposità intra-addominale, con livelli elevati di trigliceridi come ulteriore mezzo di identificazione di disfunzione del tessuto adiposo. Inoltre, suggeriscono che ipertrigliceridemia combinata con un girovita maggiore potrebbe essere un indicatore di overflow lipidico derivante da un difetto relativo al tessuto adiposo nell’eliminare i trigliceridi in eccesso per eccessiva assunzione di cibo e/o per mancanza di attività fisica. Gli autori concludono affermando che le misurazioni dei trigliceridi e del giro vita sono particolarmente importanti per valutare i pazienti che hanno normali punteggi di rischio cardiovascolare tradizionale.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA