CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

aVR: un nuovo punto di vista nell'infarto STEMI

Fonte: European Heart Journal (2010) 31, 1845-1853.

Per i profani dell'ECG, la derivazione aVR è sempre quella che "va da sè". Niente di più sbagliato! O per lo meno è quanto dimostra uno studio australiano che si è proposto di valutare le implicazioni prognostiche dell'elevazione del tratto ST nella derivazione aVR nell'infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI)
Sono stati valutati 17.073 pazienti con infarto STEMI; le registrazioni elettrocardiografiche sono state effettuate al momento della randomizzazione e dopo 60 minuti dopo la somministrazione di streptochinasi. L’innalzamento del tratto ST ≥ 1 mm nella derivazione aVR è stata associata ad una più elevata mortalità a 30 giorni in 15.315 pazienti con normale conduzione intraventricolare indipendentemente dall'ubicazione dell’area infartuata; le associazioni con più alta mortalità sono stati trovati nel sopraslivellamento di ST in aVR di ≥ 1,5 mm per l’infarto anteriore e di ≥ 1 mm per l’inferiore. La mortalità a trenta giorni è stata simile per l’infarto anteriore e l’infarto inferiore quando il sopraslivellamento di ST in aVR era presente. Dopo la terapia fibrinolitica, la risoluzione del sopraslivellamento del tratto ST in aVR a <1 mm è stata associata ad una minore mortalità, mentre un nuovo innalzamento del tratto ST ≥ 1 mm è stata associata a mortalità più elevata. In pratica, quindi, il sopraslivellamento del tratto ST nella derivazione aVR è un importante segno prognostico negativo nell'infarto miocardico STEMI.

Scarica la Tabella in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA