CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Le marmotte potrebbero spiegare i meccanismi dell'obesità

Fonte: JAMA. 2010;304(7):733.

La ricerca sulle marmotte ha messo in luce alcune vie neurologiche di connessione tra introito alimentare ed obesità. Le marmotte non si alimentano durante i mesi invernali, corrispondenti al letargo, ma se si infonde una molecola chiamata 5-aminoimidazolo-4-carbossamide 1 B-D-ribofuranoside (AICAR) nell'ipotalamo di marmotte in letargo, ciò le stimola ad alimentarsi (al FlorantGLet. J Exp Biol. 201; 213 [12] :2031-2037). I risultati, dai ricercatori della Colorado State University a Fort Collins, l'Università di Arizona-Phoenix, e altre istituzioni, potrebbero spiegare l'obesità umana e le abitudini ad alimentarsi. I risultati suggeriscono che stimolare con AICAR corrisponde all’assunzione di cibo, presumibilmente mediante l'attivazione della proteina AMP chinasi attivata (AMPK). I risultati supportano l'ipotesi che AMPK possa essere coinvolto nella regolazione dell'assunzione di cibo in animali in letargo e che vi siano percorsi neurali coinvolti nella regolazione di alimentazione e letargo. Tali correlazioni potrebbero essere determinanti negli studi sui farmaci dell’obesità.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA