CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Le arterie del sottocute fanno la spia sul rene degli ipertesi!!

Fonte: Journal of Hypertension: September 2010-Volume 28-Issue 9-p1951-1958.

Le alterazioni strutturali nelle piccole arterie di resistenza sottocutanee dei pazienti ipertesi, come indicato dall’aumento del rapporto media/lume (M / L), sono un potente predittore di eventi cardiovascolari, e che esiste una stretta correlazione tra la creatinina sierica e il rapporto M/L. Un gruppo di ricercatori italiani ha valutato se il rapporto M/L delle piccole arterie di resistenza sottocutanee possa predire le successive modifiche della funzione renale nei pazienti ipertesi. Sessanta i partecipanti (13 partecipanti normotesi e 47 pazienti ipertesi) sono stati sottoposti a biopsia del grasso sottocutaneo. Le arterie di resistenza sono state sezionate e il rapporto M/L è stato misurato. I pazienti sono stati rivalutati dopo un periodo di follow-up medio di 8,6 anni: i dati suggeriscono che le alterazioni strutturali delle piccole arterie sottocutanee possono predire l'andamento temporale delle variazioni della funzione renale nel corso di un periodo di follow-up di circa 9 anni.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA