CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Allopurinolo, iperuricemia e scompenso cardiaco: quale relazione?

Fonte: Arch Intern Med. 2010;170(15):1358-1364.

L'iperuricemia è associata a ridotta sopravvivenza tra i pazienti con scompenso cardiaco (HF), ma l'effetto della gotta sull’outcome dello scompenso cardiaco è sconosciuto. Un recente studio ha suggerito che l’allopurinolo può ridurre esiti avversi tra i pazienti con iperuricemia e HF. L'obiettivo dello studio era di determinare se la gotta e l'allopurinolo fossero associati a HF. Si tratta di una analisi caso-controllo di una coorte retrospettiva di pazienti con scompenso cardiaco di età pari o superiore ai 66 anni. L'end point primario composito era riammissione per HF e mortalità per tutte le cause. L'end point secondario era la mortalità per qualsiasi causa. Dei 25.090 pazienti in questa coorte, 14.327 hanno sperimentato l'outcome primario. Sia l’anamnesi di gotta che un suo episodio acuto (entro 60 giorni della data dell'evento) erano associati ad un aumentato rischio di ri-ospedalizzazione per scompenso cardiaco o di morte. L’uso continuativo di allopurinolo (> 30 giorni di utilizzo continuo) non è stata associata con l'outcome primario tra la popolazione complessiva con HF, ma era associata ad una ridotta ri-ospedalizzazione per scompenso o morte  e ridotta mortalità per tutte le cause  tra i pazienti con una storia di gotta. In conclusione, i pazienti con HF ed una storia di gotta rappresentano una popolazione ad alto rischio. Tra questi pazienti, l'uso di allopurinolo è associato ad esiti migliori. 

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA