CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Basse dosi di eparina non migliorano il risultato della PCI

Fonte: JAMA. Published online August 31, 2010. doi:10.1001/jama.2010.1320.

Queste sono le conclusioni dei ricercatori della McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada, coordinati dal dott. Sanjit Jolly. Nel loro studio i ricercatori hanno confrontato la sicurezza di due trattamenti con eparina non frazionata (UFH) durante angioplastica coronarica in 2.026 pazienti con sindrome coronarica acuta (SCA) senza sopraslivellamento del tratto ST-T inizialmente trattati con fondaparinux. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere basse dosi di UFH, 50 U / kg, indipendentemente dall'uso degli inibitori della GpIIb-IIIa o UFH a dosi standard, 85 U / kg (60 U / kg con inibitori GpIIb-IIIa), corretta per ACT. Lo studio ha evidenziato che due trattamenti non differiscono significativamente nell’end point primario: le emorragie maggiori o minori e le principali complicanze vascolari sull’accesso della procedura fino a 48 ore dopo PCI sono state simili tra i pazienti a bassa dose di UFH, (4,7%) e quelli a dose standard di UFH (5,8%). Ma soprattutto, a 30 giorni, non essendo stato riscontrata una significativa riduzione degli episodi di sanguinamento maggiore, di morte, di infarto miocardico e di rivascolarizzazione del vaso target tra i pazienti nel gruppo a basso dosaggio rispetto al gruppo a dosi standard, (5,8% versus 3,9%.) i ricercatori concludono che i pazienti con SCA trattati con fondaparinux e sottoposti a PCI devono ricevere la dose standard raccomandata di UFH corretta per ACT.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA