CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L’ipotiroidismo subclinico campanello di allarme per malattia e morte coronarica

Fonte: JAMA. 2010;304(12):1365-1374. doi:10.1001/jama.2010.1361.

"L'aumento del rischio di eventi coronarici è associato a più alti livelli di TSH (uguale o superiore a 10 mUI/L); tale dato potrebbe essere collegato ai noti effetti negativi degli ormoni tiroidei sul cuore e sul metabolismo", così dice Nicolas Rodondi (Università di Losanna, Svizzera) insieme al suo team. I ricercatori hanno analizzato i risultati di 55.287 eutiroidei (TSH tra 0,50 e 4,49 mUI / l) e di 3.450 pazienti ipotiroidei subclinici (TSH tra 4,5 e 19,9 mUI / l) in un periodo di follow-up da 2,5 a 20,0 anni. Di questi, nel corso del follow-up, 4.470 partecipanti hanno presentato eventi cardiovascolari e 2.168 sono morti per malattia coronarica. Dopo aggiustamento per età e sesso, i pazienti con ipotiroidismo subclinico presentavano un aumento significativo del rischio di mortalità o di comparsa di eventi cardiovascolari, rispetto ai partecipanti eutiroidei. Da segnalare, inoltre, che tra gli ipotiroidei subclinici, i livelli di TSH erano correlati in modo positivo al rischio di eventi cardiovascolari. Altrettanto per la mortalità cardiovascolare: è stato rilevato un aumento progressivo della mortalità con l’aumento del TSH. Invece non è stata rilevata una differenza significativa per quanto riguarda la mortalità per qualsiasi causa in rapporto ai livelli di TSH.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA