CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

I valori di PCR variano tra razze: diverso accesso alla prescrizione di statine??

Fonte: Circ Cardiovasc Genet 2010.

Una nuova meta- analisi dimostra che i livelli di proteina C reattiva ( PCR) variano tra le razze e queste differenze sono per lo piu’ inspiegabili e indipendenti dai livelli di rischio coronarico. E’ giusto, quindi, considerare un unico valore di medio di riferimento di PCR per tutte le razze? Quale il risvolto pratico? I livelli di PCR porebbero avere un ruolo sempre piu’ importante nel decidere l'accesso al trattamento con statine. All'inizio di quest'anno, negli Stati Uniti, l’ FDA ha ampliato le indicazioni per rosuvastatina per includere il suo impiego nella prevenzione delle malattie cardiovascolari in uomini oltre i 50 anni e donne oltre i 60 anni che hanno un altro fattore di rischio e livelli di PCR superiori a 2 mg / L, sulla base delle conclusioni dello  studio JUPITER. L’autore Shah ha condotto una revisione sistematica ed una metanalisi dei dati su 221.287 persone da 89 studi pubblicati e ha scoperto che i livelli di CRP sono diversi per etnia, anche dopo aggiustamenti per età, indice di massa corporea, fumo e i polimorfismi per il gene CRP. Gli afro-americani avevano i più alti livelli di CRP, con una media di 2,6 mg / L, seguito da ispanici (2.51 mg / L), sud-asiatici (2,34 mg / L) e bianchi (2,03 mg / L). Dall'Asia orientale i livelli più bassi di CRP, a 1,01 mg / L. Sulla base di questi dati, più della metà degli afro-americani e degli ispanici avrebbe probabilmente a 50 anni di eta’ valori di PCR superiore al 2 mg / L, mentre meno della metà degli asiatici orientali avrebbe superato questa soglia. "Quello che il nostro studio sembra indicare e’ che ci sono ragionevolmente ampie differenze tra i valori di CRP di diverse etnie, e le differenze sono sufficientemente grandi da avere un impatto potenziale sulla ammissibilità al trattamento con rosuvastatina da un lato e anche su l'interpretazione del valore di CRP per la previsione dei rischio, dall'altro” ha detto uno degli autori.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA