CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

MADIT II, dati a 8 anni..

Fonte: Circulation. 2010;122:1265-1271.

Il Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial II (MADIT-II) ha mostrato una riduzione significativa del 31% nel rischio di morte in pazienti con impianto preventivo di ICD (implantable cardioverter-defibrillator) durante un follow up di 1.5 anni in pazienti con cardiopatia ischemica ipocinetico-dilatativa. I dato oggi pubblicati su Circulation rappresentano l’estensione del follow up con dati di mortalità degli originali 1.232 pazienti arruolati a marzo 2009. A tale follow up la probabilità cumulativa di mortalità per tutte le cause è stata del 49% tra i pazienti trattati con ICD e del 62% tra i pazienti in terapia medica (p<0.001). La terapia con ICD si è dimostrata pertanto efficace nel ridurre la mortalità sia nel breve che nel lungo periodo dimostrando un beneficio netto in tutti i periodi del follow up considerato (da 0 a 4 anni: hazard ratio 0.61 [95% IC. da 0.50 a 0.76]; P<0.001). Da 5 a 8 anni: hazard ratio:0.74 [95% IC 0.57 to 0.96]; P=0.02.

Titolo originale: Long-Term Benefit of Primary Prevention With an Implantable Cardioverter-Defibrillator An Extended 8-Year Follow-Up Study of the Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial II

Scarica allegato in PPTX - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA