CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

ICD e QT lungo. Chi è il tipo giusto?

Fonte: Circulation. 2010;122:1272-1282.

Sempre più soggetti affetti da sindrome del QT lungo si sottopongono ad impianto di ICD (Implantable Cardioverter-Defibrillator), tuttavia questi device possono porre diversi problemi, specialmente nel giovane. Un recente studio pubblicato su Circulation ha arruolato prospetticamente 233 pazienti che hanno ricevuto un ICD e ha valutato le caratteristiche, le indicazioni e conseguenze. Il QTc medio è risultato 516±65 ms, l'età media all'impianto 30±17 anni e il genotipo era noto nel 59% dei pazienti. Sul 91% di pazienti sintomatici, solo il 44% aveva anamnesi positiva per arresto cardiaco prima dell'impianto, mentre nel 9% dei pazienti asintomatici, il genotipo LQT3 è risultato predominante. Durante un follow-up di 4.6±3.2 anni, il 28% dei pazienti ha ricevuto almeno una scarica appropriata, mentre eventi avversi si sono verificati nel 25% dei casi. I predittori di appropriata scarica di ICD sono risultati essere l'età inferiori ai 20 anni, il QTc>500ms, anamnesi di pregresso arresto cardiaco ed eventi cardiaci nonostante la terapia: nell'arco di 7 anni gli shock appropriati non si sono verificati in nessuno dei pazienti con questi fattori e nel 70% dei pazienti che li presentavano tutti. E' ora di ridefinire i criteri per l'impianto?

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA