CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Studio ESPORT: olmesartan è migliore di ramipril

Fonte: J Hypertens 2010; 28(11): 2342-2350.

Lo studio ESPORT (Efficacy and Safety in Elderly Patients with Olmesartan versus Ramipril Treatment) ha paragonato l’efficacia e la sicurezza di olmesartan e ramipril nei pazienti anziani con ipertensione essenziale. Dopo 2 settimane di wash-out farmacologico 1.102 ipertesi di età compresa tra 65 e 89 anni sono stati randomizzati ad un trattamento di 12 settimane con olmesartan 10 mg o ramipril 2.5 mg una volta al giorno. Dopo le prime 2 e 6 settimane i dosaggi potevano essere aumentati fino a 40 mg per olmesartan e a 10 mg per ramipril nei pazienti non ben controllati per ottenere valori pressori      <140/90 mmHg nei non diabetici e < 130/80 mmHg nei diabetici. Dopo 12 settimane di trattamento le riduzioni di pressione sistolica e diastolica sono state maggiori (P < 0.01) con olmesartan [17.8 e 9.2 mmHg] rispetto a ramipril [15.7 e 7.7 mmHg]. Anche il tasso di normalizzazione della pressione è risultato maggiore con olmesartan (52.6 vs. 46.0%, P < 0.05). La maggiore riduzione pressoria con olmesartan è stata particolarmente evidente dopo 6 ore dall’assunzione, inoltre con olmesartan si è osservata una maggiore omogeneità del controllo pressorio sulle 24 ore. Nei pazienti anziani ipertesi, quindi, olmesartan ha un effetto migliore, più prolungato ed è ben tollerato rappresentando un’utile opzione come trattamento di prima linea negli ipertesi oltre i 65 anni.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA