CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Le persone con un rischio elevato di malattia coronarica possono essere identificate geneticamente?

Fonte: Lancet 2010; 376: 1393-1400.

Secondo uno studio del dott. Ripatti dell’Università di Helsinki, Finlandia i fattori genomici possono essere utilizzati come predittore individuale di rischio di malattia coronarica (CHD) in presenza di fattori di rischio convenzionali. Sulla base dell'identificazione di 13 varianti genomiche associate con aumentato rischio di CHD o infarto miocardico o entrambi, i ricercatori si sono proposti di analizzare un possibile legame tra queste varianti genomiche ed il primo evento coronarico. Utilizzando 3.829 partecipanti con CHD reclutati da 7 coorti e 48.897 soggetti controllo, li hanno classificati mediante uno score di rischio genetico in quintili, Ripatti e colleghi hanno rilevato un rischio aumentato di 1,66 volte di CHD nel quintile più alto rispetto a quello inferiore dopo aggiustamenti per fattori di rischio. Nel frattempo, hanno eseguito uno studio prospettico arruolando 30.725 partecipanti liberi da malattia. Dopo un follow-up medio di 10,7 anni, 1.264 (4%) episodi di CHD sono stati registrati tra i partecipanti.
Pertanto il punteggio di rischio genetico non ha migliorato il valore prognostico rispetto ai fattori di rischio tradizionali e alla storia familiare.

Scarica allegsato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA