CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Clopidogrel e alleli loss of function: questi geni ci faranno impazzire..

Fonte: TCT 2010.

Presentato all’ultimo TCT questo piccolo studio (“CLopidogrel and respOnse Variability Investigation Study” CLOVIS study), ma ben fatto, dell’Università di Parigi, sull’influenza degli alleli loss of function riguardo alla capacità antiaggregante di clopidogrel. E’ noto a tutti che a Marzo 2010 è stato pubblicato il “boxed warning” dell’FDA, che ci ha messo in guardia sul fatto che esistono varianti alleliche del citocromo 2C19 (CYP2C19) che non permettono una corretta metabolizzazione del farmaco portando ad un calo della concentrazione del principio attivo del clopidogrel e conseguentemente una minor sua azione antiaggregante. Inoltre l’FDA ci fornisce suggerimenti vaghi, in particolare sia sul riconoscimento dei portatori che sul modo di trattarli una volta individuati. La strategia maestra dell’FDA è quella di aumentare la dose di clopidogrel in questi pazienti anche se non fornisce indicazioni precise riguardo ai dosaggi. Inoltre, l’FDA ci mette in guardia solo riguardo coloro portatori di entrambi gli alleli loss of function (omozigoti) e non riguardo gli eterozigoti (ossia coloro con un allele wild type e uno loss of function). Per farla breve, questo studio ha cercato di capire se l’aumento del dosaggio di clopidogrel può in qualche modo vicariare la scarsa possibilità di metabolizzare il farmaco e quindi portare ugualmente ad un sufficiente grado di antiaggregazione. Nello studio sono stati arruolati 106 pazienti. E’ stata somministrata una dose di carico di 900 mg vs 300 mg andando a misurare il grado di antiaggregazione raggiunto. I risultati sono stati che l’aumento del carico di clopidogrel andava a vicariare il potere antiaggregante solo negli eterozigoti (portatori wild type/loss of function) ma non riusciva a raggiungere buoni livelli di antiaggregazione negli omozigoti. Pertanto, almeno secondo gli Autori, la strategia indicata dall’FDA appare non soddisfacente e, almeno per gli omozigoti loss of function, si dovrebbero attuare strategie alternative.

Scarica allegato in PPTX - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA