CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Steatosi epatica nei diabetici: i trigliceridi contano!

Fonte: Diabetes 2010; 59 (11): 2747-2754.

La steatosi epatica è comune nel diabete di tipo 2 ed è correlata alla sindrome metabolica, alla cirrosi epatica e a patologie cardiovascolari. Questo studio ha valutato la perfusione epatica parenchimale in relazione al contenuto epatico di trigliceridi. Sono stati arruolati 59 uomini con diabete di tipo 2 compensato e 18 soggetti sani e sono stati studiati usando una tomografia ad emissione di positroni per valutare la perfusione epatica, l'insulino-sensibilità, e il metabolismo degli acidi grassi in relazione al contenuto epatico di trigliceridi. I pazienti con diabete mellito di tipo 2 avevano un indice di massa corporea e un valore di emoglobina glicata maggiori e un’insulino-sensibilità ridotta (P < 0.001). I soggetti diabetici con elevati valori di trigliceridi avevano una perfusione epatica e una captazione epatica insulino-indotta minore rispetto ai soggetti diabetici con bassi livelli di trigliceridi e ai soggetti sani. Nei soggetti diabetici la perfusione parenchimale epatica e il flusso epatico di acidi grassi erano inversamente correlati con il contenuto di trigliceridi. In conclusione i pazienti diabetici con un contenuto epatico di trigliceridi elevato hanno mostrato una riduzione della perfusione epatica e della captazione di glucosio insulino-indotta, suggerendo un effetto modulante del grasso epatico sulla fisiologia epatica.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA