CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Stent medicato: un ottimo alleato nell'infarto...

Fonte: Am Heart J 2010; 160 (4): 767-774.

Visto che oramai l’abitudine di posizionare stent medicati è diffusissima, questo studio ha voluto valutare gli effetti del posizionamento di uno stent medicato. Sono stati valutati tutti i pazienti che hanno ricevuto uno stent medicato arruolati nel registro EVENT (Evaluation of Drug Eluting Stents and Ischemic Events) tra il 2004 e il 2006. L’obiettivo primario è stato valutare il numero di morti, di infarto del miocardio e di rivascolarizzazione urgente alla dimissione e dopo un anno. Il 92% dei pazienti del registro EVENT ha ricevuto almeno uno stent medicato. Un terzo dei pazienti è stato curato per una sindrome coronarica acuta (33.8%), gli altri sono stati trattati per lesioni minori. Tra i pazienti è stato più frequentemente usato il carico di clopidogrel, mentre è risultato in diminuzione l’uso di eparina. La frequenza di morti, infarto miocardico o rivascolarizzazione si è verificata nel 7.2% dei pazienti. Inoltre, la frequenza di morti, infarto miocardico o rivascolarizzazione dopo un anno ha raggiunto il 13.5% e non differiva tra i vari gruppi. Quindi l’uso frequente di stent medicati è associato ad effetti positivi, riducendo, inoltre, il rischio di sanguinamenti.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA