CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ossido nitrico e arteriole retiniche

Fonte: Journal of Hypertension:  January 2011 - Volume 29 - Issue 1 - p 123-129.

L'ossido nitrico potrebbe svolgere un ruolo nella struttura e nel rimodellamento delle piccole arterie e delle arteriole periferiche. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha ipotizzato che la struttura arteriolare della retina sia modulata dall'attività basaledell'ossido nitrico. E' stata valutata una coorte di 97 pazienti maschi non trattati con pressione arteriosa normale o elevata, ma senza evidenze cliniche di malattie cardiovascolari. Le variazioni di flusso ematico nei capillari retinici all’inibitore dell’ossido nitrico sintetasi, l’N-monometil-L-arginina (L-NMMA) sono state valutate in maniera non invasiva e in vivo attraverso la scansione laser della doppler-flussimetria. Questa metodica riflette l'attività basale dell’ossido nitrico nel letto vascolare della retina e, alla luce intermittente, provoca una vasodilatazione retinica in parte dipendente dalla produzione di ossido nitrico e in parte dai parametri strutturali delle arteriole della retina, come il rapporto wall-to lumen (WLR), . I partecipanti sono stati stratificati secondo la mediana del WLR delle arteriole della retina in due gruppi. Nel gruppo con WLR al di sopra della mediana, il flusso capillare della retina in risposta ad infusione di L-NMMA diminuiva in misura minore, mentre il flusso capillare della retina in risposta alla luce intermittente non differiva in modo significativo rispetto all’altro gruppo. In tutti i pazienti, il WLR delle arteriole della retina era correlato alla diminuzione del flusso capillare retinico dopo infusione di L-NMMA  e inversamente correlato al flusso capillare retinico con la luce intermittente. La correzione per i principali fattori di rischio cardiovascolare e per le variazioni dell'emodinamica sistemica in risposta all’infusione di L-NMMA ha rivelato una relazione indipendente tra il WLR delle arteriole della retina la variazione percentuale del flusso capillare retinico in risposta all’infusione di L-NMMA. In conclusione, l’attività basale dell'ossido nitrico è emerso come un determinante indipendente di rimodellamento arteriolare nella circolazione della retina umana in vivo.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA