CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Studio PREMIER: dopo 3 mesi dall'IMA, statine sospese o ridotte nel 30-60% dei casi

Fonte: Congresso SIC 2010.

Durante il 71° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia si è affrontato il problema dell’adesione del paziente infartuato alla terapia prescritta ed, in particolare, si è analizzata l’aderenza dei pazienti al trattamento con statine. Sono stati presentati i dati dello studio PREMIER (Prospective Registry Evaluating Myocardial Infarction: Events and Recovery) che ha evidenziato che, a 3 mesi da una sindrome coronarica acuta, c’è una sospensione o riduzione del trattamento con statine in una percentuale che varia dal 30 al 60%. Le cause di tale comportamento sono da attribuire in un 44% dei casi al medico di medicina generale che ritiene troppo alto il dosaggio di statina prescritto e, nel 56% dei casi, all’insorgenza di effetti collaterali quali, ad esempio, mialgie. Questa riduzione dell’aderenza al trattamento con statina è un grosso problema perché ha un forte impatto negativo sulla prognosi del paziente. Interrompere la terapia con statina porta ad un aumento di tre volte del rischio di avere un secondo evento; prima viene sospeso il trattamento e peggio è per il paziente. Bisogna, allora, trovare un compromesso per avere un basso livello di colesterolo LDL per prevenire il rischio di una recidiva, e l’avere il minor numero di effetti collaterali possibili. La soluzione potrebbe essere, come ha suggerito il Dott. Golino durante il simposio, usare statine di ultima generazione che hanno un maggiore effetto a dosaggi inferiori in modo da avere il massimo risultato con il minimo rischio.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA