CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Cardiomiopatia ipertrofica e morte improvvisa

Fonte: Eur Heart J (2010) 31 (24): 3084-3093.

Per la cardiomiopatia ipertrofica (HCM), i seguenti cinque fattori di rischio hanno un ruolo importante nella prevenzione primaria della morte improvvisa (SD): storia familiare di SD (FHSD), sincope, spessore di parete (MWth)> 30 mm, tachicardia ventricolare non-sostenuta (NSVT) nel monitoraggio elettrocardiografico sec. Holter, e anormale risposta pressoria all'esercizio fisico (aBPRE). In HCM, in forma di malattia cardiaca genetica, il rischio per SD può esistere anche dalla nascita. Un totale di 1306 pazienti affetti da HCM (705 maschi, 601 femmine, età media di 47 anni, tra cui 193 pazienti  di età inferiore a 18 anni) sono stati valutati da 15 centri di riferimento in Polonia e sono stati arruolati nello studio. Nel  follow-up eseguito con nuovi modelli, tutti e cinque i fattori di rischio hanno confermato il potere prognostico (FHSD: P = 0.0007; NSVT: P <0,0001; aBPRE: P = 0,0,081 mila; sincope: P 0,0001), mentre il follow-up non intensivo (metodo tradizionale), solo quattro fattori sono risultati predettivi SD (tranne aBPRE). La storia multipla di FHSD sembra essere un fattore di rischio estremamente importante (P <0,0001), prevedendo SDs frequenti nell'infanzia e nell'adolescenza.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA