CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Meglio l’angioplastica o una terapia conservativa per trattare un infarto STEMI nel paziente anziano?

Fonte: Eur Heart J 2011; 32 (1): 51-60.

Questo studio ha paragonato l’efficacia di un’angioplastica percutanea primaria (pPCI) e di un trattamento fibrinolitico in pazienti molto anziani con un infarto miocardico STEMI, cioè con un’elevazione del tratto ST all’ECG. Sono stati arruolati pazienti con un’età ≥ 75 anni con STEMI da meno di 6 ore e randomizzati a pPCI o fibrinolisi. L’obiettivo primario è stato valutare l’insieme di morte per tutte le cause, di reinfarto o di ictus dopo 30 giorni. Lo studio è stato interrotto prima del tempo per la bassa velocità di reclutamento dopo aver arruolato 266 pazienti di cui 134 sono stati sottoposti a pPCI e 132 a fibrinolisi. Entrambi i gruppi erano ben bilanciati come caratteristiche al basale. L’età media era di 81 anni. Gli eventi compresi nell’obiettivo primario dello studio si sono verificati in 25 pazienti nel gruppo trattato con pPCI (18.9%) e 34 (25.4%) nel gruppo trattato con fibrinolisi [odds ratio (OR), 0.69; 95% intervallo di confidenza (CI) 0.38-1.23; P=0.21]. Similarmente anche prendendo i singoli fattori singolarmente, non sono state rilevate significative riduzioni nella percentuale di morti (13.6 vs. 17.2%, P=0.43), re-infarti (5.3 vs. 8.2%, P=0.35), o ictus (0.8 vs. 3.0%, P=0.18). Un’ischemia ricorrente era meno comune nel gruppo trattato con pPCI (0.8 vs. 9.7%, P<0.001). Non ci sono state significative differenze per il numero di sanguinamenti maggiori. Un’analisi che ha messo insieme i risultati di due precedenti studi eseguiti su pazienti anziani ha mostrato un vantaggio della pPCI sulla fibrinolisi nel ridurre il numero di morti, re-infarti e ictus a 30 giorni dall’evento (OR, 0.64; 95% CI 0.45-0.91). Quindi l’angioplastica primaria sembra essere la migliore tecnica di rivascolarizzazione per il trattamento dello STEMI ance nei pazienti anziani. Tuttavia, una terapia fibrinolitica precoce potrebbe essere un’alternativa quando la pPCI non è disponibile.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA