CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Nuovi dati di HPS: vantaggi simili di simvastatina a prescindere dal livello di PCR basale

Fonte: Lancet 2011 first on line doi:10.1016/S0140-6736(10)62174-5.

L'idea che livelli elevati di proteina C-reattiva (PCR) possano essere utilizzati per “guidare” la terapia con statine rimane controversa, in particolare dopo la pubblicazione di un'analisi dell’HPS (Heart Protection Study) che dimostra che il trattamento con statine è risultato associato ad una riduzione simile di eventi a prescindere dalle concentrazioni basali di PCR. Nell'analisi, pubblicata online su Lancet il 27 gennaio 2011, la riduzione degli eventi legata alla terapia con statine è rimasta costante anche in persone con basse concentrazioni di PCR e bassi livelli di colesterolo LDL. Il trial HPS ha valutato 20.536 uomini e donne ad alto rischio di eventi vascolari randomizzati a simvastatina 40 mg/die o placebo per un periodo medio di cinque anni. Come noto la terapia con simvastatina ha provocato una significativa riduzione del 24% d'incidenza di primo evento vascolare maggiore. Ai fini della presente analisi, i pazienti sono stati suddivisi in sei gruppi con differenti valori di PCR al basale (<1,25, 1,25-1,99, 2,00-2,99, 3,00-4,99, 5,00-7,99, e > 8,00 mg / L). I risultati non hanno mostrato alcuna evidenza che la riduzione proporzionale dell'end point primario (composito di morte coronarica, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione) o dei suoi componenti vari con la concentrazione di PCR al basale. Anche nei soggetti con concentrazioni basali di PCR inferiori a 1,25 mg/L gli eventi vascolari maggiori si sono sensibilmente ridotti del 29%. In particolare, vi era una chiara evidenza di beneficio (27% di riduzione) nei pazienti che avevano sia bassi livelli di LDL che bassa PCR. Il Dr. Paul Ridker (autore dello studio Jupiter) sostiene a difesa della PCR che lo studio HPS è stato condotto principalmente in prevenzione secondaria e quindi questi dati non devono essere utilizzati per giudicare l'utilità delle misurazioni di PCR in la prevenzione primaria dove la misura di PCR ha dimostrato di fornire informazioni incrementali sul rischio vascolare.

Heart Protection Study Collaborative Group. C-reactive protein concentration and the vascular benefits of statin therapy: an analysis of 20 536 patients in the Heart Protection Study. Lancet 2011 http://www.thelancet.com.
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA