CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Nella pratica clinica nessun effetto dei PPI sull'azione antipiastrinica del clopidogrel: analisi del registro FAST-MI

Fonte: Circulation, Jan 2011; doi:10.1161/CIRCULATIONAHA.110.965640.

In un registro francese in cui sono stati osservati pazienti che hanno ricevuto inibitori di pompa (PPI) in particolare omeprazolo insieme a clopidogrel non e’ stato segnalato nessun eccesso di eventi cardiovascolari, compresa la morte, infarto miocardico o ictus in un anno. L’assenza di eventi è stato visto indipendentemente dal fatto che pazienti erano portatori di una variante allelica nota per interferire con l'azione antiaggregante di clopidogrel. I risultati del FAST-MI (French Registry of Acute ST-Elevation and NonST-Elevation Myocardial Infarction) a cui hanno partecipato 3.670 pazienti testimoniano con un’analisi post hoc che il PPI può esser dato in modo sicuro con clopidogrel in pazienti ad aumentato rischio di sanguinamento gastrico. Nel FAST-MI nei due terzi dei pazienti naive che hanno ricevuto clopidogrel l'odds ratio (OR) per i principali eventi in ospedale per PPI vs nessuna terapia con PPI sono stati 0,29 (95% CI 0,06-1,44) per i pazienti con un allele variante CYP2C19 e 1,70 (IC 95% 0,10-30,3) per i pazienti con due alleli varianti. L'OR era 0.70 (95% CI 0,35-1,40) in questi pazienti con gli alleli del CYP2C19 wild-type. In-analisi di coorte nei pazienti dimessi in clopidogrel, la terapia con PPI non ha indotto nessun significativo aumento del rischio clinico. Ad un anno l'hazard ratio (HR) per l'ictus, infarto miocardico è stato 1,24 (95% CI 0,87-1,78, p=0,24) e per la mortalità è stato di 1,15 (95% CI 0,73-1,83, p=0,54). Sebbene studi farmacodinamici ben condotti suggeriscano che alcuni PPI possono attenuare gli effetti antipiastrinici del clopidogrel, non sembra che questo si traduca in un maggiore rischio di eventi cardiovascolari. E' plausibile che l'interazione farmacodinamica tra clopidogrel e PPI sia troppo debole per tradursi in un danno CV. Oppure è plausibile che la reattività piastrinica debba essere oltre un determinato limite prima che i pazienti siano esposti al rischio aumentato.

P450 2C19 genotype in a large nationwide cohort of acute myocardial infarction: Results from the French Registry of Acute ST-Elevation and Non-ST-Elevation Myocardial Infarction (FAST-MI) Registry. Circulation 2011; http://circ.ahajournals.org

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA