CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

D-dimero e progressione dell'aneurisma dell'aorta addominale

Fonte: European Heart Journal (2011) 32, 354-364.

Un certo numero di biomarcatori sono stati associati con aneurisma dell'aorta addominale (AAA), ma non vi è alcuna certezza di come tali marcatori, associati a fattori di rischio clinico, possano essere utilizzati per stratificare il rischio della presenza di AAA e la sua progressione. Questo studio ha valutato il valore prognostico, diagnostico e la potenzialità di stratificazione del rischio del D-Dimero plasmatico per la presenza e sviluppo di AAA. Sono stati inclusi 1.260 soggetti (337 con AAA), reclutati da uno studio di screening della popolazione e 132 (41 con AAA) da una clinica di riferimento. Un totale di 299 pazienti sono stati seguiti per un periodo di 5,5 anni tramite studio ecografico ripetuto per controllare la crescita dell’AAA. In entrambi i gruppi, il fattore di rischio dominante per l’AAA è stato il D-dimero: nel gruppo di popolazione, valori soglia > 400 e > 900 ng/mL avevano mostrato valori di odds ratio di 12,1 (95% CI 7,1-20,5) e del 24,7 (95% CI 13,7-44,6), rispettivamente. La crescita media annua dell’AAA era positivamente e significativamente associato con i valori di D-dimero che è stato in grado di predire la crescita di valori diversi tra loro come 0,4 e 2,5 mm/anno. In conclusione, questo studio suggerisce che il valore D-dimero plasmatico può svolgere un ruolo nella diagnosi e nella prognosi degli AAA.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA