CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Uno studio canadese conferma il rischio di cancro da imaging cardiaco

Fonte: CMAJ 2011.

Le radiazioni da imaging cardiaco aumentano il rischio di cancro: Sono questi i risultati di uno studio di coorte canadese, condotto su oltre 82.000 pazienti del Registro Quebec Med-Echo pubblicato on-line il 7 febbraio 2011 su CMAJ. La coorte comprendeva pazienti provenienti da tutto il Quebec che sono stati ammessi ad un ospedale con infarto miocardico acuto tra l’aprile 1996 e il marzo 2006 e non avevano una storia di cancro. Il Registro di sistema ha documentato tutto l'imaging cardiaco e le procedure terapeutiche che coinvolgono radiazioni ionizzanti a basse dosi e la stima di esposizione dei pazienti sulla base della dose media di radiazione efficace per quel regime che vanno dal 15,6 mSv per l'imaging di perfusione miocardica fino a 7 mSv per la diagnostica con cateterismo cardiaco. Un'analisi statistica che ha considerato l'età del paziente, il sesso e l'esposizione a radiazioni ionizzanti ha valutato che per ogni 10 mSv di radiazioni ionizzanti a basse dosi a cui un paziente è stato esposto il suo rischio di sviluppare il cancro a cinque anni presenta un aumento del 3%. Degli 82.861 pazienti inclusi nella coorte, il 77% ha subito almeno una procedura di imaging cardiaco o terapeutico con radiazioni ionizzanti a basse dosi nel primo anno dopo un infarto miocardico acuto. L'esposizione cumulativa alle radiazioni provenienti da procedure cardiache è di 5,3 mSv per paziente-anno, di cui 84% è stata nel primo anno. Ai pazienti durante il follow up sono stati diagnosticati un totale di 12.020 casi di cancro. L’autore, il dottor Eisemberg commenta che il potenziale aumento di morte per cancro associato all'esposizione alle radiazioni provenienti da imaging cardiaco e a procedure terapeutiche deve essere valutato rispetto al potenziale rischio di morte per malattie cardiovascolari per le quali tali procedure sono indicate e con conseguente diminuzione della mortalità attesa con il loro uso. Tuttavia,, questo studio non è sufficiente per mostrare dove l'equilibrio tra questi rischi concorrenti cade, perché è relativamente breve e potrebbe essere stata influenzato da variabili di confondimento sconosciuti.
Eisenberg, Afilalo J, Lawler P, et al. Cancer risk related to low-dose ionizing radiation from cardiac imaging in patients after acute myocardial infarction. CMAJ 2011. Available at: http://www.cmaj.ca.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA