CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Blocco di branca destro nei pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca: rischio di aumentata mortalità a lungo termine!

Fonte: AJC 107, 4, 540-544.

Dal momento che in letteratura c'è una controversia riguardo il tipo di blocco di branca (BB) che è associato ad un aumento del rischio della mortalità nei pazienti con scompenso cardiaco il dott A. Barsheshet della Rochester University insieme ai suoi collaboratori hanno progettato uno studio per esplorare l'associazione a lungo termine tra pattern di BB e mortalità nei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca (HF). Il rischio di mortalità per tutte le cause a 4 anni è stata valutato in 1.888 pazienti ospedalizzati per HF. Dopo un follow up di 4 anni, il tasso di mortalità era elevato nei pazienti con BB destro (69%), era intermedio in quelli con BB sinistro (63%) e minore in quelli senza BB (50%, p<0,001). L'analisi multivariata ha dimostrato un significativo aumento del rischio del 36% della mortalità nei pazienti con BB destro versus assenza di BB (p=0,002) ma nessuna differenza significativa nel rischio di mortalità per i pazienti con BBS versus assenza di BB (hazard ratio 1.04, p=0,66). BB destro rispetto al BB sinistro era associato ad un aumento del rischio della mortalità, nella popolazione generale, del 29% (p=0.035) e del 58% (p=0.015) nei pazienti con frazione di eiezione <30%. Pertanto il BB destro ma non il BB sinistro all’elettrocardiogramma di ammissione è associato ad un significativo aumento del rischio di mortalità a lungo termine nei pazienti ospedalizzati per HF.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA