CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L’obesità è associata in modo indipendente alla mortalità cardiovascolare: questi i nuovi dati del WOSCOPS

Fonte: Heart on line 2011.

Una nuova analisi del WOSCOPS ha dimostrato, per la prima volta, che l'obesità e’ di per sé è associata ad un aumentato rischio di mortalita’ per malattia coronarica (CHD). E’ noto che una serie di studi ha dimostrato la relazione fra l'indice di massa corporea (BMI) e il rischio di eventi coronarici, ma è sempre stato presunto che questo fosse dovuto ai fattori di rischio tradizionali. Nel WOSCOPS si sono verificati, durante 14.7 anni di follow up, 1.027 eventi coronarici non fatali e 214 eventi coronarici fatali. Il rischio di eventi non fatali è risultato simile in tutte le categorie di BMI. Ma il rischio di eventi coronarici fatali è aumentato negli uomini con un BMI 30-39,9 kg/m2. Gli autori commentano che l’analisi suggerisce che gli uomini bianchi, con un aumento del BMI possono avere un aumentato rischio di eventi coronarici fatali al di là di quella mediata da fattori di rischio classici. Puo’ esserci una serie di teorie su cosa possa causare questo aumento del rischio. In primo luogo, potrebbe essere dovuto ad un'associazione tra obesità ed infiammazione. Inoltre, studi recenti suggeriscono che le persone con maggiore BMI potrebbero avere problemi strutturali del cuore a causa dell'obesità, che possono portare ad un più alto rischio di aritmie quando il cuore è ischemico e ad un conseguente maggiore rischio di morte improvvisa o attacco cardiaco. Il messaggio e’ di non ignorare l’obesita’ solo perche molto piu’ difficile da trattare rispetto al controllo degli altri fattori di rischio; E anche se resta da dimostrare se la perdita di peso potrebbe fare la differenza a questo aumento del rischio di malattia coronarica fatale (che potrebbe, per esempio, essere irreversibile), si ricordano i molti, noti benefici della perdita di peso.

Logue J, Murray HM, Welsh P, et al. Obesity is associated with fatal coronary heart disease independently of traditional risk factors and deprivation. Heart 2011; http://heart.bmj.com

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA