CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Gli omega tre prevengono la fibrosi nei topi ipertesi

Fonte: Circulation 2011; 123 (6): 584-593.

Questo studio ha valutato gli effetti degli omega tre sulla fibrosi cardiaca. E’ stata valutata la fibrosi ventricolare sinistra in topi sottoposti a costrizione dell’aorta trasversa dopo il consumo di olio di pesce o dopo una dieta controllata. Nei topi di controllo, dopo 4 settimane di costrizione dell’aorta trasversa, c’è stata una significativa disfunzione cardiaca, fibrosi cardiaca e attivazione dei fibroblasti cardiaci con proliferazione e trasformazione in miofibroblasti. La supplementazione dietetica con olio di pesce ha prevenuto la disfunzione cardiaca e la fibrosi indotte dalla costrizione dell’aorta toracica e ha bloccato l’attivazione dei fibroblasti cardiaci. Gli omega tre hanno dimostrato di aumentare i livelli di GMP ciclico e di bloccare la trasformazione dei fibroblasti cardiaci, la proliferazione e la sintesi di collagene. Concludendo, quindi, gli omega tre sembrerebbero prevenire la fibrosi e la disfunzione cardiaca bloccando la trasformazione di alcuni fattori di crescita, in particolare β1, attraverso l’attivazione del GMP ciclico/proteina chinasi G nei fibroblasti cardiaci.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA