CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Iniezione intracoronarica di cellule mononucleari derivate dal midollo osseo ed eventi aritmici nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica

Fonte: European Heart Journal Volume32, Issue4Pp. 485-491.

Vi sono continue discussioni sui potenziali effetti proaritmici della terapia intracoronarica con cellule progenitrici derivate dal midollo-osseo (BMC), usate nel trattamento dell'insufficienza cardiaca cronica. Defibrillatori impiantabili cardioverter (ICD), un pilastro della terapia con insufficienza cardiaca, offrono la possibilità di valutare aritmie nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica. In questo studio di coorte 112 pazienti sono stati sottoposti a somministrazione intracoronarica di BMC autologhe e 224 pazienti presentavano insufficienza cardiaca, appaiati per età, sesso e frazione di eiezione del ventricolo sinistro, ed erano dotati di un ICD. In un follow-up di 2 anni (totale pazienti-anno a rischio: 595 anni), nessuna differenza significativa è stata rilevata per episodi di tachicardia ventricolare registrati da ICD (VT; 25,0 vs 27,1%, P=0,779), VT / fibrillazione ventricolare trattati con stimolazione o shock da parte dell'ICD (15,6 vs 15,5%, P=0,956), o morte da causa aritmica (4,2 vs 1,0%, P=0.667). I predittori di insorgenza di eventi aritmici sono stati i parametri di insufficienza cardiaca avanzata e l'impianto di ICD per la prevenzione secondaria; nessuna influenza sembra essere stata rilevata dopo terapia con BMC (odds ratio = 1,198, p=0,440).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA