CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Proposto un nuovo indice di obesità corporea: il BAI

Fonte: Obesity 2011 on line DOI:10.1038/oby.2011.38.

Alcuni ricercatori statunitensi hanno sviluppato un nuovo indice di adiposità che sembra una misura più precisa del grasso corporeo rispetto al BMI che come noto si ottiene dividendo il peso per l’altezza. Il nuovo indice, chiamato BAI, utilizza le misure di circonferenza fianchi e altezza e può essere utilizzato per uomini e donne adulte anche di etnie diverse, senza correzione numerica o valutazione del peso. Il fine era cercare un indice di adiposità migliore del BMI che è particolarmente impreciso nelle persone con elevata massa magra del corpo, come gli atleti, e nei bambini, e non può essere generalizzato tra i diversi gruppi etnici. Il BAI è calcolabile applicando la semplice formula: (circonferenza fianchi/altezza1.5)-18; tale indice è stato dimostrato essere un buon predittore della percentuale di grasso e valido sia per le donne che gli uomini. Il BAI è stato convalidato contro il "gold standard" della dual-energy X-ray absorption (DEXA). Secondo gli autori sarà molto facile per un medico o un infermiera elaborare questo indice per i singoli pazienti, utilizzando una calcolatrice, un programma per computer o un applicazione per iPhone. Saranno comunque necessari nuovi lavori per stabilire se il BAI potrà essere un utile predittore di outcome più di altri indici di adiposità, tra cui il BMI.

Bergman RN, Stefanovski D, Buchanan TA, et al. A better index of body adiposity. Obesity 2011; DOI:10.1038/oby.2011.38.: www.nature.com/oby.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA