CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ipoglicemia negli anziani...colpa dello scarso controllo glicemico?

Fonte: Arch Intern Med. 2011;171(4):362-364.

Gli episodi di ipoglicemia sono particolarmente pericolosi della popolazione anziana. Per ridurre il rischio di ipoglicemia, sono stati proposti standard di emoglobina glicata meno rigidi per i pazienti anziani fragili. Tuttavia, il rischio di ipoglicemia in questa popolazione con livelli più elevati di emoglobina glicata è sconosciuto. Sono stati quindi selezionati pazienti di 69 anni o più con valori di emoglobina glicata dell'8% o superiore e sono stati valutati in cieco con monitoraggio continuo della glicemia per 3 giorni. Il campione era composto da quaranta adulti con le seguenti caratteristiche: età 75±5 anni, emoglobina glicata media 9,3%±1,3%, durata del diabete 22±14 anni, 28 pazienti [70%] con diabete mellito tipo 2, e 37 [93%] in terapia con insulina. Ventisei pazienti (65%) hanno mostrato uno o più episodi di ipoglicemia (livello di glucosio <70 mg/dL). Tra questi, 12 (46%) sono arrivati a un livello di glicemia inferiore a 50 mg/dL e 19 (73%) a un livello inferiore a 60 mg/dL. Il numero medio di episodi è stato 4; la durata media di 46 minuti. Diciotto pazienti (69%) hanno avuto almeno 1 episodio notturno (22:00-6:00). Su un totale di 102 episodi di ipoglicemia, 95 (93%) sono stati riconosciuti dalle misurazioni del glucosio finger-stick eseguito 4 volte al giorno o dai sintomi. In conclusione, gli episodi ipoglicemici sono comuni negli anziani con scarso controllo glicemico. Tuttavia, alzare lo standard dell’emoglobina glicata in questa popolazione potrebbe non essere sufficiente per prevenire l'ipoglicemia.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA