CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

ARBs e rischio di cancro: forse siamo arrivati alla conclusione!

Fonte: Journal of Hypertension 2011; 29 (4): 623-635.

ACE-inibitori (ACE-i) e bloccanti dei recettori dell'angiotensina II (ARBs) sono in grado di incidere positivamente sul rischio CV ma una recente metanalisi di studi selezionati ha alzato il problema del rischio di cancro con l'impiego degli ARBs. Candesartan, irbesartan, telmisartan, valsartan e losartan sono stati valutati sull'incidenza di cancro in 15 grandi trial multicentrici, controllati in doppio cieco che hanno coinvolto ben 138.769 pazienti. Telmisartan ha contribuito alla metanalisi con 3 trial con 51.878 soggetti, irbesartan 3 trial con 14.859 pazienti, valsartan 4 trial da 44.264, candesartan 4 trial con 18.566 e losartan 1 trial con 9.193 tutti seguiti per follow up compresi tra i 23 ed i 60 mesi. L'incidenza di cancro è stata confrontata tra il gruppo di pazienti che assumevano ARBs e gruppi di controllo. In 5 trial (42.403 pazienti) gli ARBs sono stati confrontati ad ACEi e in 11 trial (63.313 pazienti) a controlli senza ACE-i.  Overall, non è stato osservato nessun eccesso di cancro con ARBs rispetto ai controlli: 4.549 (6.16%) casi sui 73.808 trattati con ARBs vs 3.856 (6.31%) dei 61.106 controlli (OR 1.00, 95% CI 0.95–1.04). Il risultato era confermato anche quando gli ARBs sono stati impiegati in associazione con ACE-i vs ACE-i da soli o ARBs da soli . Nessuno scostamento tra gruppi anche sull'incidenza di singole tipologie di neoplasie: polmone, prostata, seno così come sulle morti da cancro.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA