CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il diabete precoce determina un rischio cardiovascolare analogo al pregresso IMA

Fonte: Arch Intern Med 2011; 171(5): 404-410.

Questo studio ha esaminato l’impatto dell’età e dell’insorgenza del diabete sul rischio cardiovascolare e tutte le cause di mortalità negli uomini tra 60 e 79 anni arruolando 4.045 uomini e seguendoli per una media di 9 anni. Durante il periodo osservazionale si sono verificati 372 eventi maggiori coronarici (CHD) (infarto del miocardio fatale e non fatale [IM]), 455 morti per cause cardiovascolari e 1.112 morti per tutte le cause. Gli uomini sono stati suddivisi in: pazienti senza storia di IM o diabete (gruppo 1), soggetti con diabete ad insorgenza tardiva (diagnosticato dopo i 60 anni o con un diabete non diagnosticato [glicemia a digiuno >126.1 mg/dL]) (gruppo 2), soggetti con diabete ad insorgenza precoce (diagnosticato prima dei 60 anni) (gruppo 3), o con un infarto pregresso (gruppo 4); i soggetti che avevano sia diabete che IM sono stati esclusi. I soggetti con diabete ad insorgenza tardiva o precoce hanno avuto un significativo aumento di CHD e di morte per tutte le cause rispetto ai soggetti non diabetici che non avevano avuto CHD, anche dopo un aggiustamento per i fattori di rischio convenzionali e più nuovi come i livelli di proteina C reattiva, il fattore di von Willebrand e la disfunzione renale. Solo i soggetti con diabete ad insorgenza precoce (di durata superiore a 16.7 anni) hanno mostrato, però, un rischio simile e quelli che avevano avuto un IM pregresso, ma non diabetici. Il rischio relativo (95% di intervallo di confidenza) per maggiori eventi cardiovascolari è stato 1.00, 1.54 (1.07-2.21), 2.39 (1.41-4.05), e 2.51 (1.88-3.36) per i gruppi 1, 2, 3, e 4 rispettivamente. Concludendo, quindi, sia il diabete ad insorgenza precoce che quello ad insorgenza tardiva sono associati con un aumentato rischio di eventi cardiovascolari maggiori e mortalità, ma solo il diabete ad insorgenza precoce, con una durata superiore a 10 anni, sembra essere un fattore di rischio cardiovascolare equivalente a pregresso IM.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA