CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ipertensione polmonare e valvulopatia aortica

Fonte: Am J Cardiol 2011; 107: 1046-1051.

Mentre sulla valvulopatia mitralica è ben noto l’impatto che ha una coesistente ipertensione polmonare, sulla stenosi valvolare aortica questo legame non è così ben altrettanto delineato. Questo studio ha arruolato 509 pazienti affetti da stenosi aortica severa sintomatica e divisi in tre gruppi sulla base dei valori di ipertensione polmonare: Gruppo I di 161 pazienti (31.6%) con una PAPs derivata <40 mmHg; Gruppo II di 175 pazienti (34.3%) con PAPs derivata compresa tra 40 e 59 mmHg ed il Gruppo III di 173 pazienti (33.9%) con PAPs derivata >60 mmHg. I pazienti del Gruppo III erano i più sintomatici, con concomitanti più elevati valori di funzionalità renale, più alta classe NYHA e più elevate pressioni di riempimento ventricolare sinistro. La procedura di TAVI o di sostituzione valvolare aortica si sono accompagnate ad un significativo calo delle pressioni polmonari sia nel primissimo periodo post-operatorio che a 12 mesi del follow up (p<0.0001 per entrambi i tipi di trattamento). Al contrario, nei pazienti sottoposti alla sola valvuloplastica con pallone si è osservato un significativo calo della PAPs subito dopo la procedura (da 63 a 51 mmHg: p<0.0001) ma già a tre mesi tale significatività si perde, con incremento progressivo dei valori tensivi polmonari (a tre mesi p=0.29). In conclusione, sia la procedura di TAVI che di sostituzione chirurgica della valvola aortica sono procedure efficaci e stabili sia per il trattamento della valvulopatia di base che nella riduzione della pressione polmonare che spesso si associa a tale condizione.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA